Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1841

Rifacimento della chiesa di San Giuseppe dei Cappuccini in Valdipietra

Per impulso di padre Paolo Turtura da Castel San Pietro inizia la ricostruzione della chiesa di San Giuseppe in Valdipietra (o Val di Pietra) dei Padri Cappuccini, situata fuori porta Saragozza.

Il progetto dell'architetto Filippo Antolini (1787-1858) si rifà "a dettami di gusto ancora neoclassico, ormai anacronistici affatto, ispirandosi a modelli palladiani" (Biagi Maino).

I Frati Minori, grazie a un gruppo di benefattori, che hanno acquistato il complesso conventuale, sono succeduti nel 1818 ai Servi di Maria, che, dopo le soppressioni napoleoniche, hanno continuato a curare la parrocchia.

Nel cantiere della nuova chiesa comincia a lavorare come decoratore Alessandro Guardassoni (1819-1888), che qui vede all'opera Adeodato Malatesta (1806-1891), insigne esponente del purismo pittorico e autore della grande pala per l'altare maggiore raffigurante lo Sposalizio della Madonna e San Giuseppe (1844). Folgorato dal suo insegnamento, nel 1843 lo seguirà a Modena.

Il pittore bolognese, forse l'artista più influente nei decenni centrali dell'800, sarà nuovamente attivo per i Cappuccini nel 1855 (Crocifissione con i dolenti) e nel 1877 (San Francesco riceve le stimmate). Lavoreranno in San Giuseppe anche Carlo Ernesto Liverati (1805-1844), prematuramente scomparso, e Antonio Muzzi (1815-1894), autore del Martirio di San Fedele.

Nell'apparato decorativo grande rilievo avranno molte statue di apostoli, profeti e frati cappuccini disposte in nicchie tra le paraste della navata, eseguite da Giovanni e Massimiliano Putti e aiuti.

La chiesa di San Giuseppe sarà completata - e consacrata dall'Arcivescovo Oppizzoni - nel 1844.

Nel 1968, al centro del presbiterio, sarà costruito un altare rivolto ai fedeli, su progetto di Giuseppe Coccolini e con bassorilievi dello scultore Marco Marchesini.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La chiesa di San Giuseppe - via Bellinzona (BO) Chiesa di San Giuseppe - fianco settentrionale La chiesa di San Giuseppe - via Bellinzona (BO) 	Chiesa di San Giuseppe - la croce di pietra Chiesa di San Giuseppe - Il Tau francescano Il convento dei cappuccini in Valdipietra Chiesa di San Giuseppe - Pala dell San Francesco - A. Guardassoni - sec. XIX - particolare Convento di San Giuseppe - Opera di A. Biancini - sec. XX

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Alessandro Guardassoni e i fratelli Gualandi: esperienze e sperimentazioni bolognesi nell'800 tra fisica, fotografia, architettura e volontariato, a cura di Silvia Battistini, Bologna, Galleria d'arte d'Azeglio, 2000, p.15
  • Arte fuori le mura. Aspetti del patrimonio culturale del quartiere Costa-Saragozza dal Medioevo all'età della restaurazione, a cura di Donatella Biagi Maino, Roberta Bianconi Ventura, Cristina Casali, Massimo Medica, Bologna, Tamari, 1985, pp. 19-22

  • Umberto Beseghi, Introduzione alle chiese di Bologna, 4. ed., Bologna, Tamari, 1964, pp. 313-318 (data cit.: 1844)
  • Luigi Bortolotti, Il suburbio di Bologna. Il comune di Bologna fuori le mura nella storia e nell'arte, Bologna, La grafica emiliana, 1972, pp. 7-10
  • Giuseppe Coccolini, L'arte muraria italiana. I costruttori gli ingegneri e gli architetti, Bologna, Re Enzo, 2002, p. 157
  • Quasi millenaria a Bologna la chiesa di San Giuseppe, in: Monasteri e conventi francescani in Emilia Romagna, a cura di Giorgio Maioli, Bologna, Re Enzo, 1995, pp. 140-143
  • Poli, Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 204
  • Eugenio Riccomini, L'arte a Bologna. Dalle origini ai giorni nostri, Bologna, Editoriale Bologna, 2003, p. 314