Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1839

Grande piena del Po

Alla metà di ottobre una grande piena sconvolge l'alveo del Po, con numerose rotte degli argini e estesi allagamenti nella zona a destra del fiume tra il Secchia e il Panaro. Torino è allagata il 17 ottobre da una piena di 88 cm, la più grande mai raggiunta.

La rottura degli argini al Bonizzo provoca l'inondazione del territorio di Mirandola, con la distruzione di diversi centri abitati, mentre il rigurgito nell'Oglio è all'origine dell'allagamento di Bozzolo, Sabbioneta, Viadana. Un intero paese del Lodigiano, Noceto, tra San Rocco al Porto e Caselle Landi, è completamente sepolto dalla piena.

Nel mantovano l'alluvione distrugge oltre 5.000 case e più di 10.000 persone rimangono senza tetto. Si stima la perdita di oltre 15.000 capi di bestiame.

Nella notte del 12 novembre l'argine del Po cede vicino a Borgoforte e in poche ore le acque inondano Bondeno e il suo territorio, con le frazioni di Stellata, Burana e Scortichino.

Nel Ferrarese l'alluvione raggiunge i 9 matri di altezza e costringe migliaia di persone a lasciare le case e a rifugiarsi sugli argini. Molti vengono salvati con le barche. A Pontelagoscuro l'idrometro si manterrà per 75 giorni sopra al livello di guardia.

Comacchio è colpita dallo straripamento del Reno e l'acqua alta coprirà il paese per alcuni mesi. Per l'aumento della salinità delle acque, gli allevamenti di anguille subiscono notevoli danni.

 

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Panorama di Bondeno (FE) Chiesa di Stellata frazione di Bondeno (FE) Il Po nei pressi di Bondeno (FE)

Approfondimenti:

  • Un Po di carte. La dinamica fluviale del Po nell'Ottocento e le tavole della Commissione Brioschi, a cura di Ireneo Ferrari e Maurizio Pellegrini, Reggio Emilia, Diabasis, 2011, p. 97
  • La storia d'Italia, Roma, La Biblioteca di Repubblica, 2005, vol. 25, Cronologia, p. 55