Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1836

La "Zaira" di Voltaire con Francesco Lombardi al teatro del Corso

In agosto Francesco Lombardi (1792–1845) è protagonista, nella parte di Orosmane, della Zaira di Voltaire al teatro del Corso, in una recita di beneficenza a favore di una famiglia indigente. Lo accompagnano la brava Internari e l'“infaticabile” Domeniconi.

Il Lombardi, attore tragico molto promettente, con un'anima “tutta fuoco, tutta entusiasmo”, dotato di quell'estro che identifica il vero artista, ha lasciato prematuramente le scene, ha rinunciato ai suoi trionfi e si è ritirato a Bologna tra “le dovizie e gli agi” in casa dei principi Hercolani.

Dal suo rifugio emerge saltuariamente, come in questo caso, mosso da spirito filantropico e l'antico smalto non sembra perduto. “Simili artisti – è il commento di un critico che ha assistito allo spettacolo – anche dopo molti anni di quiete e di ozio, si ricordano che furono esimii, e che il sono tuttora, né si smentiscono mai: anzi pare che all'uscire dal lor letargo diventino più valorosi”.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Marina Calore, Il teatro del Corso 1805-1944. 150 anni di vita teatrale bolognese tra aneddoti e documenti, Bologna, Lo scarabeo, 1992, p. 96
  • “Teatri, Arti e Letteratura”, 10 settembre 1836, pp. 3-4