Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1835

Libretto di Carlo Pepoli per i "Puritani" di Vincenzo Bellini

Al Théâtre de la comédie italienne di Parigi l'opera seria in tre atti I Puritani, ultimo capolavoro di Vincenzo Bellini (1801-1835), ottiene “il più eclatante e i il più giusto successo”.

Il libretto, tratto dal dramma storico Têtes rondes et Cavaliers di Ancelot e Saintine, è di Carlo Pepoli (1796-1881), letterato bolognese, di nobile famiglia, rifugiato in Francia dopo i moti del 1831 e ormai conosciuto "per i suoi scritti sulle belle arti e per un volume di poesie piene di grazia ed eleganza".

Nel suo faticoso lavoro di adattamento il librettista ha modificato la struttura originaria del dramma, puntando sulla relazione tra i protagonisti a scapito del contesto storico.

Delle difficoltà incontrate è testimonianza una lettera di Bellini: "Pepoli lavora, e mi costa assai fatica il portarlo innanzi; la pratica gli manca, ch'è gran cosa".

Durante le sue lezioni all'University College di Londra, dichiarerà gli intenti politici del libretto e la pesante censura subita.

I Puritani saranno rappresentati a Parigi ben diciotto volte nei primi mesi del 1835, per trasferirsi in maggio al King’s Theatre di Londra.

Durante l'esilio parigino, Carlo Pepoli scrive anche alcuni testi per le Soirées musicales di Gioachino Rossini, arie e duetti per canto e pianoforte, composti nei primi anni Trenta.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Umberto Beseghi, Palazzi di Bologna, 2. ed., Bologna, Tamari, 1957, p. 132
  • Marina Calore, Bologna a teatro. L'Ottocento, Bologna, Guidicini e Rosa, 1982, pp. 84-85
  • Andrea Campana, Prosa e poesia dal triennio giacobino al governo provvisorio, in: Gioachino in Bologna. Mezzo secolo di società e cultura cittadina convissuto con Rossini e la sua musica, a cura di Jadranka Bentini e Piero Mioli, Bologna, Pendragon, 2018, pp. 143-144
  • Vittorio Emiliani, Il furore e il silenzio. Vite di Gioachino Rossini, Bologna, Il Mulino, 2007, p. 333
  • Elena Musiani, Circoli e salotti femminili nell'Ottocento. Le donne bolognesi tra politica e sociabilità, Bologna, CLUEB, 2003, pp. 71-72
  • Riccardo Viagrande, Casta Diva. Il teatro musicale in Europa dalla età rossiniana alla seconda metà dell'Ottocento, Monza, Casa musicale eco, 2018, pp. 145-146