Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1833

Il conservatorio delle Putte di Santa Marta

Dopo la sistemazione dei locali dell'antico convento delle Vallombrosane di Santa Caterina in Strada Maggiore, il 1° aprile vi si trasferiscono nove ragazze già ospitate in Santa Croce, alle quali se ne aggiungono poco dopo altre undici.

Finalmente il Conservatorio delle Putte di Santa Marta, fondato nel 1505 da Carlo Duosi per fanciulle orfane appartenenti a buone famiglie cadute in disgrazia, ottiene una sede definitiva. L'istituto, che ha come fine di "prevenire molti enormi e perniciosi scandali", che possono nascere a causa della miseria delle giovani, è un'emanazione dell'Opera Pia dei Poveri Vergognosi.

Ha avuto in passato donazioni e lasciti generosi, grazie alle indulgenze stabilite dai papi Gregorio XIII e Alessandro VII. Il convento di Santa Caterina in Strada Maggiore è stato occupato dal 1799 al 1822 dalle Putte dei Mendicanti di San Gregorio, ma già nel 1817 il cardinale Oppizzoni l'aveva assegnato all'Amministrazione dei Poveri Vergognosi, in cambio del Conservatorio di San Vitale, ceduto definitivamente all'Opera Mendicanti.

Le ospiti di Santa Marta saranno in media 15 dal 1833 al 1860 e 24 dal 1860 al 1880, con una punta di 29 tra il 1880 e il 1885. Il numero scenderà lentamente nel secolo successivo e saranno solo cinque alla chiusura del conservatorio, nel giugno 1980.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Conservatorio delle Putte di Santa Marta - Strada Maggiore (BO) Il giardino di Santa Marta Conservatorio delle Putte di Santa Marta - Strada Maggiore (BO) Ex conservatorio di Santa Marta - via San Vitale (BO) Il conservatorio delle Putte di Santa Marta e la chiesa di Santa Caterina di... Il conservatorio delle Putte di Santa Marta poi Casa protetta Emblema dell Targa della Casa protetta Santa Marta - Strada Maggiore (BO) Giardino del Collegio di Santa Marta (BO)

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Serafino Biffi, Sui riformatori pei giovani, in: “Memorie del Reale Istituto lombardo di scienze e lettere. Classe di lettere e scienze morali e politiche”, 11 (1870), p. 148
  • Luigi Bortolotti, Bologna dentro le mura. Nella storia e nell'arte, Bologna, La grafica emiliana, 1977, p. 145, 185
  • Aristide Burzi, Monografia del Conservatorio femminile di Santa Marta, Bologna, Tipografia Gamberini e Parmeggiani, 1888
  • Decennale eucaristica 1992 Santa Caterina di Strada Maggiore in Bologna, s.l., s.e., stampa 1992
  • Andrea Farnè, Le opere pie a Bologna. Ruolo e storia della Compagnia de' Poveri Vergognosi, Bologna, Le coq, 1989, pp. 113-117
  • Lucia Ferrante, Il sostegno alle giovani declassate. L'Opera pia dei poveri vergognosi di Bologna e il Conservatorio di Santa Marta, in: Povertà e innovazioni istituzionali in Italia. Dal Medioevo ad oggi, a cura di Vera Zamagni, Bologna, Il mulino, 2000, pp. 207-223
  • Fabio Fogacci, Da Conservatorio di putte a casa protetta. Il recupero dello storico complesso di Santa Marta in Strada Maggiore, in: “Bologna. Mensile dell'Amministrazione comunale”, 6/7 (1989), p. 38
  • Pasticcio alla bolognese. Storie, storielle, fatti, fattacci, episodi, racconti, filastrocche, poesie, zirudelle, narcisate, cronache, discorsi e bazzecole, raccolti e disordinatamente raccontati da Gino Calari, Bologna, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, 2004, p. 278