Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1831

Cessa l'amministrazione straordinaria. Personale laico nelle Legazioni

Con il 1° giugno cessa a Bologna, Forlì e Ravenna (ma non a Ferrara) l'amministrazione legatizia straordinaria. Il governo delle Legazioni è affidato a una Congregazione governativa, composta di quattro membri, uno dei quali funge da presidente, col titolo di Pro-Legato.

A Bologna assume questo incarico il conte Camillo Grassi, che il 7 giugno, in un appello agli abitanti della città e della provincia di Bologna, si augura di essere “in qualche guisa giovevole” alla patria.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Bollettino di tutte le notificazioni, leggi, e decreti, pubblicati dal Governo della città di Bologna non che dal Comando militare, Bologna, Tipografia delle Muse, 1831-1832, vol. 2., pp. 106-109
  • Ettore Rotelli, Gli ordinamenti locali preunitari, in: Storia della Emilia Romagna, a cura di Aldo Berselli, Imola, University Press Bologna, 1980, vol. 3., p. 249
  • Angelo Varni, Gli anni difficili della Restaurazione, in: Storia illustrata di Bologna, a cura di Walter Tega, Milano, Nuova ed. AIEP, 1989, vol. 2., pp. 373-374