Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1830

Muore Giovan Battista Martinetti

Muore l'architetto e ingegnere Giovan Battista Martinetti (1764-1830), marito della contessa Cornelia Rossi di Lugo, animatrice di un celebre salotto letterario.

Originario del Canton Ticino, raggiunse il padre a Bologna nel 1775 e vi frequentò l'Università e l'Accademia Clementina. Nel periodo napoleonico, in qualità di ingegnere capo della Prefettura, fu autore di numerosi progetti, quali la sistemazione dei locali per il Direttorio e il parlamento cispadano, la sistemazione del Pubblico Passeggio della Montagnola, del quartiere universitario e dell'Orto botanico.

Collaborò alla costruzione di edifici prestigiosi: le ville di Aldini all'Osservanza e “alla Bastia” (con G.A. Antolini), Villa Zambeccari al Ravone (poi Villa Spada), il Teatro Contavalli, le Terme di Porretta. Suo fu anche il disegno in forme neoclassiche di un nuovo teatro e dei gabinetti d'anatomia dell'Università.

Non andarono in porto invece i suoi progetti per l'allargamento di Piazza dei Celestini e per l'innalzamento della colonna di Piazza della Pace.

Come ingegnere progettò arginature, ponti e strade, in particolare il nuovo tracciato di fondovalle della Strada Porrettana, completato dopo la sua morte.

Dal 1818 si trasferì a Roma, dove ottenne numerosi incarichi. Costruì il macello pubblico e si occupò della bonifica dell'Agro Pontino.

Fu membro dell'Accademia di Scienze, Lettere e Arti di Modena, dell'Accademia Clementina a Bologna e di quella di San Luca a Roma. A Bologna fu anche tra i soci fondatori della Società Agraria e membro della Società del Casino.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Tomba di G.B. Martinetti - Cimitero della Certosa (BO) Tomba di G.B. Martinetti - Cimitero della Certosa (BO) - part. Tomba di G.B. Martinetti - Cimitero della Certosa (BO) - part. I giardini della Montagnola (BO) I giardini della Montagnola (BO) Orto Botanico - via Irnerio (BO) Orto Botanico - via Irnerio (BO) Villa Aldini all Villa Aldini all Villa Ravone (poi Spada) - via di Casaglia (BO) Villa Ravone (poi Spada) - via di Casaglia (BO) - il giardino all Palazzo Martinetti (poi Collegio Ungarelli) - via San Vitale (BO)

Approfondimenti:

Maria Luisa Boriani, Giovanni Battista Martinetti, in: "La Torre della Magione", 1 (2009), pp. [14-15]


Francesco Ceccarelli, L'intelligenza della città. Architettura a Bologna in età napoleonica, Bologna, Bononia University Press, 2020, pp. 35-48


Maria Teresa Chierici Stagni, Giovanni Battista Martinetti. Ingegnere e architetto. Un bolognese nato a Lugano, Bologna, Ponte nuovo, 1994


Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 121