Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1830

Baraonda in teatro per Rubini

Nella Donna del lago di Rossini, che va in scena il 30 ottobre, Giovan Battista Rubini, “vera leggenda dellopera lirica”, ottiene un enorme successo, con tanti applausi “da far epoca” nella storia del Teatro Comunale.

Il tenore è “costantemente e generalmente applaudito in ogni scena”. Dopo l'aria di Pacini, alla fine del secondo atto, il pubblico comincia a rumoreggiare e a pretendere il bis. Ma le repliche sono proibite dall'autorità.

Il “fracasso” continuerà fino all'una dopo mezzanotte: il sipario calerà tre volte, ma non sarà possibile riprendere lo spettacolo e la prima donna non potrà cantare l'aria finale.

L'opera di Rossini, tratta da The Lady of the Lake di Walter Scott, ha debuttato a Napoli nel 1819, riscuotendo poi un successo crescente, con Isabella Colbran nella parte di Elena.

In seguito fu rappresentata anche a Roma, al Teatro Argentina, dove l'ascoltò Giacomo Leopardi, giudicandola "una cosa stupenda".

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • “L'Eco, giornale di scienze, lettere, arti, mode e teatri”, 3 novembre 1830, vol. 3., n. 132, p. 528
  • Vittorio Emiliani, Il furore e il silenzio. Vite di Gioachino Rossini, Bologna, Il Mulino, 2007, pp. 196-197
  • In scena a Bologna. Il fondo Teatri e spettacoli nella Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna, 1761-1864, 1882, inventario e indici a cura di Patrizia Busi, Bologna, Comune, 2004, p. 260
  • Un mondo di musica. Concerti alla Società del Casino nel primo Ottocento, a cura di Maria Chiara Mazzi, Bologna, Museo del Risorgimento, 2014, p. 190

  • Adriano Orlandini, Malibran & C.: cantanti al Comunale e dintorni, in: Gioachino in Bologna. Mezzo secolo di società e cultura cittadina convissuto con Rossini e la sua musica, a cura di Jadranka Bentini e Piero Mioli, Bologna, Pendragon, 2018, p. 71
  • Hilary Poriss, Changing the score. Arias, prima donnas, and the authority of performance, Oxford (ecc.), Oxford University Press, 2009, p. 88, tav. 3.3