Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1829

Ripristinata l'Accademia delle Scienze

Per decreto di papa Pio VIII viene riattivata l'Accademia delle Scienze. Fondata all'inizio del XVIII secolo in Palazzo Poggi da Luigi Ferdinando Marsili, umanista e scienziato bolognese, ha raccolto l'eredità dell'Accademia degli Inquieti di Eustachio Zanotti.

L'istituzione, votata esclusivamente alle scienze sperimentali, ha goduto di particolare protezione da parte di papa Benedetto XIV e ha avuto tra i suoi soci lo scienziato Luigi Galvani. E' stata sospesa nel 1804, durante il periodo napoleonico.

L'Istituto delle Scienze ad essa associato, trasformato nel 1802 in Istituto Nazionale, ha cessato di esistere nel 1814 e i suoi preziosi materiali sono stati distribuiti a vari laboratori dell'Università pontificia.

Dal 1829 l'Accademia riprende a funzionare come l'aveva voluta papa Lambertini, sotto la protezione del cardinale Oppizzoni. In particolare è ricreata la categoria dei soci benedettini, 24 scienziati scelti tra i più eminenti ai quali viene accordato un vitalizio. L'Istituto delle Scienze, invece, non sarà più ripristinato.

Il 31 maggio 1868 alcuni docenti delle Facoltà di Lettere e Giurisprudenza chiederanno l'estensione dell'Accademia alle Scienze Morali. La classe relativa sarà realizzata più avanti, grazie all'impegno di docenti quali Giosuè Carducci, Giovanni Pascoli, Alfredo Trombetti, Giuseppe Brini.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Atti del convegno "Massoneria e Risorgimento. Da Bologna per l'Italia", a cura di Marco Adorni, Giovanni Greco, Davide Monda, Bologna, P. E. Persiani, 2012, p. 101
  • Giuseppe Bosi, Archivio patrio di antiche e moderne rimembranze felsinee, rist. anast., Sala Bolognese, A.Forni, 1975, vol. 2., p. 151
  • Marta Cavazza, Immagini dell'Istituto delle Scienze nella storiografia contemporanea e otto-novecentesca, in: Una scienza bolognese? Figure e percorsi nella storiografia della scienza, a cura di Annarita Angelini, Marco Beretta, Giuseppe Olmi, Bologna, Bononia University Press, 2015, pp. 195-196
  • Dizionario dei bolognesi, a cura di Giancarlo Bernabei, Bologna, Santarini, 1989-1990, vol. 2., pp. 291-292, 334-336 (L.F. Marsili)
  • Franco Farinelli, Il filosofo e la città: Luigi Ferdinando Marsigli e l’Istituto delle Scienze, in: I laboratori storici e i musei dell'Università di Bologna, vol. 1., La città del sapere, Milano, Silvana, 1987, pp. 54-75

  • F.I.L.D.I.S., Cenacoli a Bologna, Bologna, L. Parma, 1988, pp. 16-17
  • Luigi Pepe, Accademie e Università nell'Italia Napoleonica, in: Le università napoleoniche: uno spartiacque nella storia italiana ed europea dell'istruzione superiore, atti del Convegno internazionale di studi, Padova-Bologna, 13-15 settembre 2006, a cura di Piero Del Negro, Luigi Pepe, Bologna, Clueb, 2008, p. 110
  • Luigi Pepe, Dall'Istituto bolognese all'Istituto Nazionale, in: I "Giacobini" nelle legazioni. Gli anni napoleonici a Bologna e Ravenna, atti (ecc.), a cura di Angelo Varni, Bologna, Costa, 1996, vol. 2., p. 310
  • Massimo Zini, Tre secoli di scienza. Lineamenti della storia dell'Accademia delle Scienze dell'Istituto di Bologna attraverso gli studi e le vicende dei suoi membri più celebri, Bologna, Bononia University Press, 2011, p. 47