Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1829

La produzione agricola migliora

La produzione agricola nel bolognese risente positivamente del processo di trasformazione del settore avviato in epoca napoleonica. La proprietà nobiliare ha perso terreno e si è accentuata la penetrazione del capitale nelle campagne. Diversi proprietari si sforzano di dare alle loro aziende un volto più moderno e al passo coi tempi.

Nel 1829 la produzione supera del 30-50% quella degli anni precedenti all'arrivo dei Francesi, creando una eccedenza di cereali, disponibili per l'esportazione. La produzione di vino, canapa e foraggio conosce in questo periodo un sensibile aumento.

La coltivazione della canapa arriverà ad occupare consistenti territori nel Bolognese, toccando il culmine negli anni Settanta dell'800.

Oltre che la coltivazione della pianta, in campagna si svolgono anche le “lunghe lavorazioni preliminari” all'estrazione della fibra tessile: maceratura, essicazione, gramolatura, scavezzatura. Le ultime fasi vedranno a fine secolo l'introduzione di apposite macchine.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Pompeo Bertolazzi, Cronache risorgimentali, 1831-1849, a cura di Giovanni Guidi, Bologna, Costa, 1999, pp. 119-121
  • Giulio Cavazza, Bologna dall'età napoleonica al primo Novecento, in: Storia di Bologna, a cura di Antonio Ferri, Giancarlo Roversi, Bologna, Bononia University Press, 2005, p. 286
  • Roberto Finzi, Canapa e stratificazione sociale nelle campagne bolognesi (secoli XVII-XIX), in: Una fibra versatile. La canapa in Italia dal Medioevo al Novecento, a cura di Carlo Poni, Silvio Fronzoni, Bologna, Clueb, 2005, pp. 17-39
  • Giorgio Pedrocco, Arretratezza e modernizzazione delle campagne emiliane negli anni tra le due guerre mondiali, in: Da Piacenza a Ferrara: i contadini di Paul Scheuermeier, a cura di Claudia Giacometti, Giorgio Pedrocco, Massimo Tozzi Fontana, Bologna, Compositori, 2012, pp. 39-41

  • Antonio Saltini, Nell'area dell'antica canapicoltura emiliana tra Ottocento e Novecento: cedimenti, speranze, il tracollo, in: Una fibra versatile, cit., pp. 235-251