Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1828

Si tenta di contrastare la criminalità

A Bologna le strade sono invase di vagabondi e questuanti. La città è famosa in Europa per il suo alto tasso di criminalità.

Il governo pontificio appare incapace di “garantire una vita normale, viaggi senza briganti, norme senza eccessi discrezionali, uffici pubblici senza mance” (Balzani, Mazzuca)

Vi sono note organizzazioni criminali di antica tradizione, come i biricchini (o birichini) , organizzati in bande, che hanno il nome delle strade da cui provengono; i ritirati, che traggono il nome dal fatto di approfittare dell'immunità, che copre le soglie delle chiese e dei palazzi patrizi; i precettati, posti sotto stretta sorveglianza della polizia.

Le associazioni criminali svolgono attività illecite, come il contrabbando, e l'estorsione, dietro minacce e violenze, di pagamenti esosi per i loro servigi.

Di fronte a una crescita del crimine a livelli drammatici, il governo è costretto a ripristinare le pattuglie cittadine, disattivate pochi mesi prima. Si tratta di gruppi di cittadini armati, che perlustrano la città nelle ore notturne, in appoggio alle forze di pubblica sicurezza. Costituiranno in seguito il modello della Guardia Civica.

Nel novembre il legato cardinal Albani, per arginare l'invasione di vagabondi senza fissa dimora, dispone che i contadini non possano lasciare i loro paesi senza permesso.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Roberto Balzani, Giancarlo Mazzuca, Amarcord Romagna. Breve storia di una regione (e della sua idea) da Giulio Cesare a oggi, Argelato, Minerva, 2016, p. 122
  • Giuseppe Bosi, Archivio patrio di antiche e moderne rimembranze felsinee, rist. anast., Sala Bolognese, A.Forni, 1975, vol. 1., pp. 136-138
  • Aldino Monti, Pauperismo e demografia, conflitto e sicurezza: le condizioni sociali a Bologna nell'Ottocento (1815-1880), in: Storia di Bologna, direttore Renato Zangheri, vol. 4., Bologna in età contemporanea, tomo 1., 1796-1914, a cura di Aldo Berselli e Angelo Varni, Bologna, Bononia University Press, 2010, pp. 440-443, 445
  • Ettore Stanzani, Corpo delle pattuglie cittadine, 1820-1961, Rocca San Casciano, Cappelli, 1962, p. 12
  • Fiorenza Tarozzi, Struttura urbana e struttura sociale nella Bologna quarantottesca. Bolognesi e Austriaci: un confronto – scontro, in: Il 1848, la rivoluzione in città, a cura di Angelo Varni, Bologna, Costa, 2000, pp. 80-81