Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1826

Contestato dagli studenti, il Rettore si dimette

Per via dell'Epifania, la ripresa delle lezioni universitarie è anticipata, contrariamente alle usanze. Questo provoca vibrate proteste da parte degli studenti contro alcuni professori di Medicina.

Il Rettore Camillo Ranzani (1775-1841), di carattere severo e inflessibile, reagisce duramente attirandosi l'odio degli studenti.

Le reazioni non si fanno attendere: viene appiccato il fuoco a una cattedra e la città appare tappezzata di manifesti intimidatori e versetti osceni. Scosso dagli eventi, Ranzani si dimette e rinuncia anche a tenere il suo corso.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Francois Gasnault, Anticlericalismo e agitazioni studentesche a Bologna nell'Ottocento preunitario, in: Studenti e università degli studenti dal XII al XIX secolo, a cura di Gian Paolo Brizzi e Antonio Ivan Pini, Bologna, Istituto per la storia dell'Università, 1988, pp. 340-342
  • François Gasnault, La cattedra, l'altare, la nazione. Carriere universitarie nell'Ateneo di Bologna, 1803-1859, Bologna, CLUEB, 2001, pp. 195-196
  • Luciano Gherardi, Bedetti giovane, in: Nuovi patti di pace. Saggi per Giovanni Catti nel settantesimo compleanno, a cura di Gian Domenico Cova, Bologna, Edizioni Dehoniane, 1994, p. 122
  • Carlo Malagola, I Rettori: dall'antico Studio alla moderna Università, rivisto ed accresciuto da Gian Paolo Brizzi, Bologna, a cura dell'Università, 1988, p. 64
  • Daniele Menozzi, L'età napoleonica e la Restaurazione, in: L'Università a Bologna. Maestri, studenti e luoghi dal XVI al XX secolo, a cura di Gian Paolo Brizzi, Lino Marini, Paolo Pombeni, Bologna, Cassa di Risparmio (...), 1988, p. 37
  • I Rettori della Universita di Bologna. Note storiche e catalogo, Bologna, CLUEB, 1982, p. 53