Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1825

La "Semiramide" di Rossini è "un vero furore"

Il 18 ottobre al Teatro Comunale va in scena la prima bolognese della Semiramide, melodramma tragico di Gioachino Rossini, che ha debuttato a Venezia nel 1823.

Le cronache teatrali registrano uno straordinario successo. L'opera fa “un vero furore, un vero fanatismo, una vera irruzione”. Grandi lodi vanno, oltre che alla musica, alla primadonna Henriette Méric-Lalande (1798-1867) e ai cantanti Raniero Remorini e Teresa Cecconi.

Musica squisita, attori di primo rango, perfetta esecuzione, decorazioni magnifiche, tutto si è prestato nell'aspetto più favorevole al pubblico ammiratore.

Tratta da una tragedia di Voltaire, Semiramide è stata composta soprattutto nella villa di Rossini a Castenaso, dove il maestro è stato raggiunto dal librettista Gaetano Rossi. Quest'ultimo ne ha scritto a Meyerbeer come "una magnificenza, un affresco veramente imponente".

Dal 1820 Rossini ha conquistato il pubblico bolognese, che segue anno per anno con entusiasmo le sue opere maggiori, inscenate a più riprese nei teatri cittadini: Cenerentola, La Gazza ladra, Mosè, Il Barbiere di Siviglia, Il Turco in Italia.

La sua musica sembra tendere "ad una specie di gioia fisica del suono, al piacere e alla golosità dell'orecchio" (Rognoni).

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Cristina Bersani, Leopardi e il teatro a Bologna, in: Giacomo Leopardi e Bologna: libri, immagini e documenti, a cura di Cristina Bersani e Valeria Roncuzzi Roversi-Monaco, Bologna, Pàtron, 2001, p. 227
  • Coscienza urbana e urbanistica tra due millenni. 1., Fatti bolognesi dal 1796 alla prima guerra mondiale, Bologna, San Giorgio in Poggiale, 11 dicembre 1993-13 febbraio 1994, a cura di Franca Varignana, Bologna, Grafis, 1993, p. 165
  • Vittorio Emiliani, Il furore e il silenzio. Vite di Gioachino Rossini, Bologna, Il Mulino, 2007, pp. 240-241

  • In scena a Bologna. Il fondo Teatri e spettacoli nella Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna, 1761-1864, 1882, inventario e indici a cura di Patrizia Busi, Bologna, Comune, 2004, pp. 238-239
  • Monica Proni, La Cronaca manoscritta di Francesco Rangone. Risvolti culturali e mondani a Bologna (1815-1830), in: “Il carrobbio”, 12 (1986), p. 281
  • Gaia Servadio, Gioachino Rossini. Una vita, Milano, Feltrinelli, 2015, p. 144
  • P., Notizie teatrali. Bologna Teatro della Comune, in: "Teatri, Arti e Letteratura", 78, 28 ottobre 1825, "Cenni storici intorno alle lettere, invenzioni arti commercio e spettacoli teatrali dell'anno 1825", parte quarta, pp. 29-30
  • Riccardo Viagrande, Casta Diva. Il teatro musicale in Europa dalla età rossiniana alla seconda metà dell'Ottocento, Monza, Casa musicale eco, 2018, pp. 70-72