Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1824

La chiesa di Santa Caterina di Strada Maggiore

Una Sanzione Arcivescovile del 30 giugno 1824 stabilisce la cessione in perpetuo alla Parrocchia della chiesa di Santa Caterina di Strada Maggiore, che finora faceva parte del Conservatorio di Santa Marta ed era quindi di proprietà dell'Opera Pia dei Poveri Vergognosi.

Il sacro edificio è stato costruito nel 1605 sopra una chiesetta più antica, risalente al 1144 e dedicata a Santa Maria Doppletta del Torrilione, officiata dai monaci Vallombrosani di Monte Armato.

Accanto ad essa, nel 1526 è sorto, per opera di suor Barbara Orsi, un convento di monache Vallombrosane, che fu abitato, dopo la loro soppressione nel 1799, dalle Putte dei Mendicanti di San Gregorio e dalla Compagnia dei Raminghi.

La chiesa di Santa Caterina ha avuto funzione parrocchiale fino all'arrivo dei Francesi. Nel 1832 il portico su Strada Maggiore, aggiunto da Pietro Fiorini nel XVII secolo, sarà restaurato dall'architetto E. Gasparini.

Nel corso dell'800 sulla facciata saranno collocate statue di Roncagli, Putti e Franceschi, mentre il campanile sarà innalzato dall'Antolini nel 1842.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

La chiesa e il campanile di S. Caterina in Strada Maggiore (BO) La chiesa di S. Caterina in Strada Maggiore (BO) Chiesa di S. Caterina in Strada Maggiore (BO) - Facciata - part. Chiesa di S. Caterina in Strada Maggiore (BO) Chiesa di S. Caterina in Strada Maggiore (BO) - Facciata - part. Chiesa di S. Caterina in Strada Maggiore (BO) - Ingresso - part.

Localizzazioni:

Google Maps

Approfondimenti:

  • Giuseppe Coccolini, L'arte muraria italiana. I costruttori gli ingegneri e gli architetti, Bologna, Re Enzo, 2002, p. 157

  • Andrea Farnè, Le opere pie a Bologna. Ruolo e storia della Compagnia de' Poveri Vergognosi, Bologna, Le coq, 1989, pp. 113-114