Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1822

Il Discolato

Con un editto del cardinale Legato Giuseppe Spina del 29 luglio, viene fondata, presso l'ospedale dell'Abbadia in via San Felice, la Casa Provinciale di Correzione.

E' un reclusorio “pei discoli”, che si propone di combattere “l’Ozio sorgente d’ogni vizio”, allontanando dalla società i “traviati” e sottoponendoli a un “regolato tenor di vita”, attraverso il lavoro e gli insegnamenti della morale cristiana.

La Casa è inaugurata l'8 settembre successivo e comincia ad accogliere persone “meritevoli di censura e coercizione”. Si tratta di minori sfaccendati, prostitute, “corruttori del costume”, che vengono arrestati dalla polizia, sottoposti al pronunciamento di una commissione giudicante e quindi reclusi.

L'8 settembre 1823 nel reclusorio è installata una sala di lavoro volontario, per tenere impegnati i discoli nella tessitura e in particolare nella filatura della canapa.

Assieme al Discolato, l'Abbadia ospita anche la Casa Provinciale di Lavoro e la Casa di Pubblica Beneficenza. I reclusi politici e i “lavoratori volontari” sono pagati con vitto e alloggio e una ventina di baiocchi alla settimana.

Nel 1849 il Discolato sarà trasformato in ospedale carcerario, mentre la Casa di Lavoro continuerà a impiegare all'esterno poveri disoccupati. Dal 1866 l'Abbadia sarà di nuovo ospedale militare e tale rimarrà fino alla fine del '900.

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

L L Chiesa e convento dei SS. Naborre e Felice - Abbadia L L Campanile romanico della chiesa dei SS. Naborre e Felice

Approfondimenti:

  • Tommaso de' Buoi, Diario delle cose principali accadute nella città di Bologna dall'anno 1796 fino all'anno 1821, a cura di Silvia Benati, Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Bononia University Press, 2005, p. 515, nota 19
  • La città della carità. Guida alle istituzioni assistenziali di Bologna dal XII al XX secolo, a cura di M. Carboni, M. Fornasari, M. Poli, Bologna, Costa, 1999, p. 89
  • Francesca Delneri, La Casa provinciale di correzione o Reclusorio pei discoli di Bologna (1822-1849), in: "Strenna storica bolognese", 60 (2010), pp. 149-164
  • Alfeo Giacomelli, Ordini religiosi in età moderna, in: ISCBO, Storia della chiesa di Bologna, a cura di Paolo Prodi e Lorenzo Paolini, Bergamo, Bolis, 1997, vol. 2., p. 534
  • Francesco Majani, Cose accadute nel tempo di mia vita, a cura di Angelo Varni, Venezia, Marsilio, 2003, p. 62, nota 148
  • Aldino Monti, Pauperismo e demografia, conflitto e sicurezza: le condizioni sociali a Bologna nell'Ottocento (1815-1880), in: Storia di Bologna, direttore Renato Zangheri, vol. 4., Bologna in età contemporanea, tomo 1., 1796-1914, a cura di Aldo Berselli e Angelo Varni, Bologna, Bononia University Press, 2010, p. 444
  • Pasticcio alla bolognese. Storie, storielle, fatti, fattacci, episodi, racconti, filastrocche, poesie, zirudelle, narcisate, cronache, discorsi e bazzecole, raccolti e disordinatamente raccontati da Gino Calari, Bologna, Fondazione Cassa di Risparmio in Bologna, 2004, p. 282

  • Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 200