Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1822

Epidemia di vaiolo

Una epidemia di vaiolo arabo, causata probabilmente da militari austriaci, miete molte vittime nella provincia di Bologna, dove in generale si è trascurata ogni opera di prevenzione. Nello Stato della Chiesa il Papa ha, infatti, proibito l'innesto del vaiolo.

La malattia colpisce tutte le fasce della popolazione. Un tardivo editto della Sacra Consulta di Sanità, che il 26 giugno reintroduce la vaccinazione nelle parrocchie secondo il metodo Jenner, non ottiene effetto per “mancanza di materia vaccina”.

Il vaiolo rimarrà endemico anche negli anni seguenti: nel 1823 causerà 27 morti e 34 nel 1827.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Stefano Arieti, Società e sanità a Bologna nel XIX secolo, in: “Il carrobbio”, 25 (1999), p. 194
  • Cenno storico sulla istituzione della Societa medico-chirurgica di Bologna, Bologna, dai tipi del Nobili e Comp., 1830, pp. 9-10
  • Il cholera morbus nella città di Bologna l'anno 1855, relazione della Deputazione comunale di Sanità, preceduta da notizie storiche intorno le pestilenze nel bolognese, Bologna, Tip. governativa Della Volpe e Del Sassi, 1857, p. 158
  • Umberto Marcelli, Le vicende politiche dalla Restaurazione alle annessioni, in: Storia della Emilia Romagna, a cura di Aldo Berselli, Imola, University Press Bologna, 1980, vol. 3., p. 72
  • Gida Rossi, Bologna nella storia nell'arte e nel costume, Sala Bolognese, Forni, 1980, pp. 542-543
  • Sergio Sabbatani, Stefano Arieti, Il vaiolo a Bologna. Dagli anni della Restaurazione ai primi del Novecento. Ruolo della Società medica chirurgica di Bologna nel promuovere la vaccinazione, in: Il vaiolo e la vaccinazione in Italia, a cura di Antonio Tagarelli, Anna Piro, Walter Pasini, S.l., ISN Istituto di Scienze neurologiche -WHO Collaborating Centre for Travel Medicine, 2004, vol. 3., p. 1190