Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1821

Angelo Venturoli lascia le sue sostanze per la fondazione di un collegio artistico

Il 7 marzo muore l'architetto Angelo Venturoli (1749-1821). Dopo un giovanile soggiorno di lavoro in Veneto, è ritornato a Bologna con la mente piena “delle stupendissime palladiane idee”, alle quali è poi rimasto sempre fedele.

Nel periodo napoleonico è stato l'architetto di gran lunga più impiegato e apprezzato in città, con oltre 150 incarichi, tra i quali la chiesa di San Giuliano e della Baroncella, il Palazzo Hercolani, la facciata di Palazzo Vassè Pietramellara, numerose ville nella periferia e nei dintorni, tra le quali la grande villa Malvezzi Campeggi a Bagnarola di Budrio e il Casino Regoli (poi Villa Revedin) sul Poggio Belvedere.

Il 20 maggio 1820 ha nominato il marchese Antonio Bolognini Amorini, il conte Luigi Salina e il signor Carlo Savini esecutori delle sue ultime volontà, lasciando loro il compito di fondare "un Collegio d'educazione, a comodo d'istruire giovani studenti di Belle Arti".

L'istituto, che porterà il suo nome, sarà aperto nel 1825 in via Centotrecento n. 4, nei locali dell'ex Collegio Illirico Ungarico, risalente al XVI secolo. L'antico refettorio ospita affreschi con Storie di Croazia e Ungheria del pittore bolognese Gioacchino Pizzoli (1651-1731).

Fonti della notizia:

consulta

Immagini e multimedia:

Busto di Angelo Venturoli - G. De Maria Collegio Artistico Venturoli - via Centotrecento (BO) Collegio Artistico Venturoli (BO) - Ingresso - part. Collegio Artistico Venturoli - via Centotrecento (BO) Collegio Artistico Venturoli - via Centotrecento (BO) Collegio Artistico Venturoli - via Centotrecento (BO) Collegio Artistico Venturoli - via Centotrecento (BO) Collegio Artistico Venturoli - via Centotrecento (BO) Collegio Artistico Venturoli - via Centotrecento (BO)

Approfondimenti:

  • Architettura, scenografia, pittura di paesaggio, Bologna, Museo civico, 8 settembre-25 novembre 1979, Bologna, Alfa, 1980, pp. 284-285
  • Nicoletta Berberini Mengoli, La Manifattura Aldrovandi respira l'arte del Collegio Venturoli, in: Gioachino in Bologna. Mezzo secolo di società e cultura cittadina convissuto con Rossini e la sua musica, a cura di Jadranka Bentini e Piero Mioli, Bologna, Pendragon, 2018, pp. 329-332
  • Giuseppe Bosi, Archivio patrio di antiche e moderne rimembranze felsinee, rist. anast., Sala Bolognese, A.Forni, 1975, vol. 2., p. 375
  • Francesco Ceccarelli, L'intelligenza della città. Architettura a Bologna in età napoleonica, Bologna, Bononia University Press, 2020, pp. 159-164

  • La città della carità. Guida alle istituzioni assistenziali di Bologna dal XII al XX secolo, a cura di M. Carboni, M. Fornasari, M. Poli, Bologna, Costa, 1999, p. 119
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 184
  • Dall'Accademia al vero. La pittura a Bologna prima e dopo l'Unità, Bologna, Galleria d'arte moderna, 29 gennaio-4 aprile 1983, a cura di Renzo Grandi, Casalecchio di Reno, Grafis, 1983, p. 49
  • Ezio Godoli, Architettura e città, in: Storia della Emilia Romagna, a cura di Aldo Berselli, Imola, University Press Bologna, 1980, vol. 3., p. 1154-1155
  • Norma e arbitrio: architetti e ingegneri a Bologna 1850-1950, a cura di Giuliano Gresleri, Pier Giorgio Massaretti, Venezia, Marsilio, 2001, p. 411 (A. Venturoli)
  • Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 199
  • Luigi Samoggia, Il Collegio Venturoli: quasi due secoli di vita per l'Arte, in: Angelo Venturoli. Tra l'opera, il collegio e la sua eredità. I borsisti dal 1930 al 1980, catalogo a cura di Alberto Rodella e Marinella Capelli, Bologna, Eta edizioni, 2015, pp. 14-17
  • Le strade di Bologna. Una guida alfabetica alla storia, ai segreti, all'arte, al folclore (ecc.), a cura di Fabio e Filippo Raffaelli e Athos Vianelli, Roma, Newton periodici, 1988-1989, vol.1., p. 186
  • Torri e castelli. Bologna e la sua provincia. Storia, dizionario biografico, opere d'arte, notizie d'oggi, 2. ed. ampliata a cura di Luigi Arbizzani e Pietro Mondini, Bologna, Editrice Galileo, 1966, p. 165
  • Athos Vianelli, L'antica università di Bologna. Origini, fatti e vicende, con disegni di Alessandro Cervellati, Bologna, Tamari, 1978, pp. 111-112