Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1796

Una giunta costituente

La giunta incaricata il 1 luglio dal gonfaloniere Grassi di ideare una nuova forma di governo, simile a quella del libero comune che precedette la dominazione pontificia, presenta il 30 ottobre un Piano di Costituzione, introdotto da una "dichiarazione dei diritti e dei doveri".

Il nuovo sistema elettorale è di triplo grado, con comizi generali parrocchiali, comizi decurionali e comizi elettorali, in cui conta il censo. Ne deriva un corpo legislativo con due camere, una di 300 membri e una di 60, più un esecutivo di nove consoli.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

  • Aldo Berselli, Da Napoleone alla Grande Guerra, in: Storia di Bologna, diretta da Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2010, vol. 4., tomo 1., p. 10
  • I giacobini a Bologna, a cura di Franco Cristofori e Andrea Emiliani, Bologna, Alfa, 1966, p. 33
  • Giuseppe Guidicini, Diario bolognese. Dall'anno 1796 al 1818, Bologna, Forni, 1976, vol. 1., p. 16
  • Luigi Pepe, Dall'Istituto bolognese all'Istituto Nazionale, in: I "Giacobini" nelle legazioni. Gli anni napoleonici a Bologna e Ravenna, atti (ecc.), a cura di Angelo Varni, Bologna, Costa, 1996, vol. 2., p. 319
  • Per diritto di conquista. Napoleone e la spoliazione dei monti di pietà di Bologna e Ravenna, a cura di Angelo Varni, Bologna, Il mulino, 1996, p. 181
  • Angelo Varni, L'Emilia Romagna nell'Italia napoleonica, in: Storia della Emilia Romagna, a cura di Aldo Berselli, Imola, University Press Bologna, 1980, vol. 3., p. 25