Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

argomenti

1796

L'armistizio di Bologna

In seguito alla rapida occupazione da parte dell'armata francese delle Legazioni di Bologna e di Romagna, papa Pio VI è costretto ad accettare un oneroso armistizio, che viene firmato a Bologna, conquistata militarmente.

La Santa Sede si impegna a versare alla Francia 21 milioni di scudi, accetta la cessione dei territori di Bologna, Ferrara, Forlì, Ravenna e della Marca di Ancona.

Lo stesso giorno comincia la requisizione di opere d'arte e la spoliazione delle casse pubbliche. Il Senato stesso deve farsi carico di fissare le modalità delle pesanti imposizioni volute da Napoleone.

Fonti della notizia:

consulta

Approfondimenti:

 

  • Tommaso de' Buoi, Diario delle cose principali accadute nella città di Bologna dall'anno 1796 fino all'anno 1821, a cura di Silvia Benati, Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Bononia University Press, 2005, p. 16
  • Angelo Varni, L'Emilia Romagna nell'Italia napoleonica, in: Storia della Emilia Romagna, a cura di Aldo Berselli, Imola, University Press Bologna, 1980, vol. 3., pp. 21-22
  • Angelo Varni, Il periodo napoleonico, in: Storia illustrata di Bologna, a cura di Walter Tega, Milano, Nuova ed. AIEP, 1989, vol. 2., p. 342
  • Nerio Zanardi, Capitoli bolognesi della storia d'Italia. Da Irnerio a Carducci, Bologna, Patron, 1997, p. 317