Domande & risposte.

pagina 1 di 1


Domanda

Vorrei notizie su Angelo Masina, nato a Bologna il 24 novembre 1815 e morto a Roma il 3 giugno 1848, e sulla sua famiglia originaria.

Risposta:

'Masina Angelo (A. Masini). Patriota (Bologna 1815 - Roma 1849), partecipò giovanissimo ai moti del 1831 in Romagna, poi fuggì in Spagna , dove combattè con i costituzionali. Tornato in seguito a Bologna, fu più volte arrestato e processato per la sua attività cospirativa. Nella guerra del 1848 combattè in Veneto con i volontari emiliani; alla fine di agosto partecipò a Bologna ai tentativi di destituire il prolegato pontificio per instaurare un governo provvisorio. Seguì Garibaldi a Roma e prese parte a fatti d'arme, raggiungendo il grado di colonnello. Cadde nella difesa di villa Corsini.'
(Grande dizionario enciclopedico UTET / fondato da Pietro Fedele, Torino, UTET, 1989, vol. 13, mari - morp, alla voce)

'Masini Angelo. - Patriota (Bologna 1815 - Roma 1849). Esule dopo il 1831, combattè in Spagna contro i carlisti. Tornato in patria, si compromise con i fratelli Muratori nei moti di Savigno del 1843 e fu più volte arrestato. Prese parte alla campagna del 1848 nel Veneto e fu uno degli eroi della difesa di Roma. Morì combattendo a Villa Pamphily'"
(Lessico universale italiano di lingua, lettere, arti, scienze e tecnica, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, vol. 13, map - misr, alla voce)

'Masini o Masina Angelo (n. Bologna 1815; m. Roma 1849). Combattente in Ispagna contro i sanfedisti, nel 1848 fu nel battaglione Zambeccari. L'8 agosto era a Bologna. Corse poi a difendere la Repubblica Romana e fu tra i valorosi del 30 aprile 1849. Divenuto colonnello, cadde da eroe ai Quattro Venti. Il Carducci lo paragonò a Patroclo, l'eroe greco.'
(Cronaca di Bologna / Enrico Bottrigari; a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, vol. 1, p. 432, n. 3)

Angelo Masini è citato inoltre nell' Enciclopedia italiana di scienze, lettere ed arti, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, vol. XXII (Malc -Messic), alla voce 'Masini Angelo' e nel Dizionario del Risorgimento nazionale : dalle origini a Roma capitale : fatti e persone / direttore Michele Rosi, Milano, Vallardi, 1933 vol. 3 alla voce " Masina Angelo".

Può trovare maggiori informazioni in:

Francesco Bertolini, Angelo Masini. Commemorazione fatta nel 40° anniversario della sua morte , Bologna, N. Zanichelli, 1889
Ermanno Loevinson, Angelo Masini , Bologna, Stab. poligrafici riuniti, 1933

Roberto Nannetti, Angelo Masini e i lancieri della morte, Bologna 2000
Camillo Caleffi,Vita militare di Angelo Masini, Bologna, Comune di Bologna, 1935

Vittorio Fiorini, Note e documenti inediti di Angelo Masini, in "Rivista storica del Risorgimento Italiano", vol. I, 1985, pp. 99 - 112

Ermanno Loevinson, Giuseppe Garibaldi e Angelo Masini a Comacchio nel 1848, in " Rassegna storica del Risorgimento, 1920, pp. 482 - 496

La famiglia Masini (o Masina) era un'antica famiglia di mercanti bolognesi dediti specialmente all'industria della seta, di cui si ha ricordo a partire
dal secolo XIII. Moltissimi furono i notai di questo casato a cominciare dal secolo XV. Notevole l' Archivio Notarile Masini, oggi consultabile presso l'Archivio di Stato di Bologna.
Fra i personaggi che più si distinsero si ricordano: Giacomo (1533-1602), vescovo di Segni; Antonio (1599 - 1691), studioso d'arte e di editoria bolognese ed autore della celebre "Bologna Perlustrata"; Eliseo (sec. XVII), teologo e inquisitore; Cesare (1812-1891), pittore e direttore della Pinacoteca di Bologna.

Può recuperare ulteriori informazioni alle voci enciclopediche già citate ed in:

A. Masini, Bologna perlustrata, Bologna 1666
G: Fantuzzi, Scrittori Bolognesi, Bologna 1786, vol. V
A. Aglebert, Cesare Masini e le sue opere, Bologna 1843

La informiamo che la famiglia Masini ha lasciato al Museo Civico del Risorgimento di Bologna http://www.comune.bologna.it/...museorisorgimento/ numerosi documenti e oggetti di proprietà della famiglia stessa e in particolare di Angelo Masini.

09 lug 2004

back
› chiedilo al bibliotecario

› vai al modulo di richiesta