Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

26 gennaio 2020

Elezioni regionali in Emilia-Romagna

Il 26 gennaio si svolgono le elezioni regionali in Emilia-Romagna. Sono elezioni particolarmente attese, in cui i partiti all'opposizione - la Lega, Fratelli d'Italia, Forza Italia - puntano ad interrompere il tradizionale dominio della sinistra e a dare un segnale significativo anche sul piano nazionale.

La campagna elettorale è iniziata il 14 novembre con un meeting della Lega al Paladozza di Bologna. Lo stesso giorno è nato il movimento di sinistra delle "sardine", con un flash mob in Piazza Maggiore, poi replicato in altre città italiane.

I principali candidati sono Stefano Bonaccini, presidente uscente del PD e Lucia Borgonzoni della Lega. L'affluenza alle urne è particolarmente elevata - il 67,67%, contro il 37,76% delle Regionali 2014 - una prova dell'importanza assunta da questa tornata elettorale.

I risultati confermano Bonaccini con il 51,42 % contro il 43,63 % della sfidante Borgonzoni. Crollano i consensi al Movimento 5 stelle e a Forza Italia. Pur nella sconfitta, il centro-destra può rivendicare risultati significativi in molti comuni, soprattutto nelle province di Piacenza, Parma e Ferrara.

A Bologna Bonaccini ottiene il 64.84% dei voti contro il 31.12% di Lucia Borgonzoni. Il Partito Democratico ha il 39,3% di preferenze contro il 18.45% della Lega.

Manifesti in una sezione PD del bolognese dopo le elezioni regionali del 2020
Manifesti in una sezione PD del bolognese dopo le elezioni regionali del 2020
Contenuto inserito il 13 mar 2020
vedi tutto l’anno 2020