Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

18 febbraio 1945

Operazione "Encore" della 10a Divisione di Montagna USA contro la Linea Verde II

La 10a Divisione da Montagna USA attacca il “Riva Ridge” - la catena dei Monti della Riva tra le valli dell'Ospitale e del Dardagna - dando inizio all'Operazione "Encore" (Fare il bis), che mira allo sfondamento dell'ultima linea di difesa tedesca sull'Appennino tra Modena e Bologna.

La 10a Divisione è giunta il 10 gennaio in Emilia, dopo un intenso addestramento sulle Montagne Rocciose in Colorado: si tratta della prima divisione alpina della storia degli Stati Uniti ed è formata da provetti escursionisti ed atleti, in gran parte volontari.

I reggimenti sono equipaggiati con armi particolari, come i mortai da 81 a canna corta, i cannoni smontabili Howitzer o le micidiali spolette V.T., dotate di un sofisticato meccanismo esplosivo.

La conquista del “Riva Ridge” comporta la scalata di pareti di roccia a strapiombo e l'uso di teleferiche per l'evacuazione dei feriti.

Nella notte tra il 18 e il 19 febbraio, con attacchi a sorpresa, sono conquistate ad una ad una le postazioni nemiche sui rilievi di Monte Mancinello, Monte Serrasiccia, Cappel Buso e Pizzo di Campiano. I ripetuti contrattacchi dei nemici non hanno successo.

Per l'azione fulminea al Pizzo di Campiano i componenti del plotone guidato dal ten. Loose verranno tutti decorati con croci di bronzo e d'argento.

Nei giorni successivi i soldati americani saranno affiancati dai brasiliani della FEB e dai partigiani inquadrati nella Divisione Modena "Armando" per la conquista del monte Belvedere sopra Gaggio Montano, dove i fanti tedeschi sepranno resistere e contrattaccare per alcuni giorni.

Nella notte del 20 febbraio i brasiliani attaccheranno monte Castello, con l'appoggio di una squadriglia di caccia Thunderbolt decollati da Pisa e dopo dodici ore la "cima imprendibile", difesa strenuamente da reparti della 232a Infanterie Division al comando del barone gen. Von Eckard Goblenz e della 114a Jeager Division, sarà definitivamente nelle loro mani.

Nei pressi di Corona, invece, i carri alleati saranno a più riprese bloccati e messi fuori uso dai Panzerfaust, i micidiali piccoli cannoni controcarro tedeschi. La 10a Divisione lascerà sul Belvedere, conquistato definitivamente il 21 febbraio, più di 200 morti e quasi 700 feriti.

In tre giorni di attacchi più di 1.200 soldati tedeschi saranno fatti prigionieri. L'Operazione "Encore" terminerà il 5 marzo con l'ingresso degli americani a Castel d'Aiano e dei brasiliani a Castelnuovo.

Gli Alleati troveranno ancora una forte opposizione tedesca, soprattutto sul monte della Spe, difeso dalla 29a div. "Falco" del gen. Polack. L'87° Reggimento della 10a Divisione sarà ricordato come l'unico reparto di fanteria dell'esercito americano a combattere sia in estremo oriente contro i giapponesi, sia in occidente contro i tedeschi.

Monumento in onore della X Mountain Division USA sul Monte Belvedere
Monumento in onore della X Mountain Division USA sul Monte Belvedere
Monumento in onore della X Mountain Division USA sul Monte Belvedere
Monumento in onore della X Mountain Division USA sul Monte Belvedere
Monumento alla X Mountain Division USA sul Monte Belvedere - particolare
Monumento alla X Mountain Division USA sul Monte Belvedere - particolare
Monumento alla X Mountain Division USA sul Monte Belvedere - particolare
Monumento alla X Mountain Division USA sul Monte Belvedere - particolare
Ruderi del castello di Belvedere (sec. XIII) utilizzato come caposaldo tedesco sulla Linea Gotica
Ruderi del castello di Belvedere (sec. XIII) utilizzato come caposaldo tedesco sulla Linea Gotica
Ruderi del castello di Belvedere (sec. XIII) utilizzato come caposaldo tedesco sulla Linea Gotica
Ruderi del castello di Belvedere (sec. XIII) utilizzato come caposaldo tedesco sulla Linea Gotica
Monumento alla X Mountain Division USA sul Monte Belvedere - particolare
Monumento alla X Mountain Division USA sul Monte Belvedere - particolare
Ruderi del castello di Belvedere (sec. XIII) utilizzato come caposaldo tedesco sulla Linea Gotica
Ruderi del castello di Belvedere (sec. XIII) utilizzato come caposaldo tedesco sulla Linea Gotica
Ruderi del castello di Belvedere (sec. XIII) utilizzato come caposaldo tedesco sulla Linea Gotica
Ruderi del castello di Belvedere (sec. XIII) utilizzato come caposaldo tedesco sulla Linea Gotica
Cippo in onore della VII Brigata Modena alla Querciola di Lizzano
Cippo in onore della VII Brigata Modena alla Querciola di Lizzano
Grafico dell'Operazione Encore - febbraio-marzo 1945
Grafico dell'Operazione Encore - febbraio-marzo 1945
In memoria del soldato americano della 10a Divisione USA caduto in combattimento a Iola di Montese il 3 marzo 1945
In memoria del soldato americano della 10a Divisione USA caduto in combattimento a Iola di Montese il 3 marzo 1945
Ufficiale e soldato della 10a Divisione USA - Museo di Iola Montese
Ufficiale e soldato della 10a Divisione USA - Museo di Iola Montese
Equipaggiamento militare della 10a Divisione USA - Museo di Iola Montese
Equipaggiamento militare della 10a Divisione USA - Museo di Iola Montese
Bombe a mano in dotazione ai soldati della 10a Divisione USA - Museo di Iola Montese
Bombe a mano in dotazione ai soldati della 10a Divisione USA - Museo di Iola Montese
L'Operazione Encore - aprile 1945
L'Operazione Encore - aprile 1945
Approfondimenti
  • Pier Giorgio Ardeni, Cento ragazzi e un capitano. La brigata Giustizia e Libertà Montagna e la Resistenza sui monti dell'alto Reno tra storia e memoria, con la collaborazione di Francesco Berti Arnoaldi Veli, Bologna, Pendragon, 2014, pp. 355-357
  • Battaglie sul crinale, a cura di Walter Bellisi in collaborazione con Marilia Cioni, 2. ed. riveduta e ampliata, Montese, Il trebbo, 2012, pp. 28-33
  • Franco e Tomaso Cravarezza, Le grandi battaglie della Linea Gotica, Torino, Edizioni del Capricorno, 2018, pp. 187-192
  • Dagli "States" all'Appennino (diario della 10. divisione da Montagna U.S.A.), Italia 1944-45, tradotto e curato da Giancarlo Bendini, Sasso Marconi, Arti Grafiche Giorgi, stampa 1991
  • John Day, Partigiani e alleati sul fronte del Reno dal settembre 1944 all'aprile 1945, con documentazione americana, inglese e tedesca, traduzione di Bianca Branchini, in: “Nueter”, 24 (1998), p. 171
  • Fuoco sulla montagna. La Linea Gotica tra il Reno e il Panaro, dvd, regia e montaggio di Marco Menaglia, consulenza storica di Daniele Amicarella, Porretta Terme (BO), Maxmusic Multimediale, 2002
  • Roberto Gentile, Linea Gotica. Uomini e carriarmati, Massa Carrara, Edizioni Sarasota, 2014, pp. 16-17
  • Andrea Giannasi, Il Brasile in guerra. La Forca expedicionaria brasileira in Italia (1944-1945), Roma, Carocci, 2014, pp. 102-105
  • I giorni della Linea Gotica. Cronologia degli eventi sull'ultimo fronte di guerra in Italia (agosto 1944-aprile 1945), a cura di Gabriele Ronchetti, Bologna, Circolo Culturale Castel D'Aiano, 2005, p. 59 sgg.
  • Guerra e Resistenza sulla Linea gotica tra Modena e Bologna, 1943-1945, a cura di Vito Paticchia, Modena, Artestampa, 2006, pp. 35-42
  • Jean Pascal Marcacci, La battaglia di Monte Belvedere. WW2 Linea Gotica 18-24 febbraio 1945. Nei ritrovamenti sul campo di battaglia, nella memoria e nel riuso civile dei materiali bellici, Imola, Angelini, 2008, pp. 11-15, 18-20
  • Monte Belvedere. La linea Gotica. La caduta di Berlino, dvd, Milano, Hobby & Work, 2004
  • Roberto Olla, Combat film, Roma, RAI-ERI, 1997, p. 118
  • Vito Paticchia, Marco Boglione, Sulle tracce della Linea Gotica. Il fronte invernale dal Tirreno all'Adriatico in 18 tappe, Saluzzo, Fusta editore, 2011, pp. 108-109
  • Percorsi della memoria. 1940-1945: la storia, i luoghi, a cura di Vito Paticchia con la collaborazione di Paolo Zurzolo, Bologna, CLUEB, 2005, pp. 146-147
  • Gabriele Ronchetti, La Linea Gotica. I luoghi dell'ultimo fronte di guerra in Italia, Fidenza (PR), Mattioli, 2009, p. 48
  • Peter Shelton, L'armata delle nevi. La storia mai raccontata degli sciatori che fermarono Hitler, Milano, Piemme, 2019, p. 165 sgg.
  • Storie di montagna. Una montagna di storia, a cura del Museo diffuso della Linea Gotica Montese. Luoghi e sentieri della memoria, s.n.t.
  • Marco Tarozzi, L'assalto a Riva Ridge del guru dell'atletica Usa, in: "Nelle Valli Bolognesi", 47 (2020), pp. 38-39
  • Touring club italiano, Emilia Romagna. Itinerari nei luoghi della memoria, 1943-1945, Milano, TCI, Bologna, Regione Emilia-Romagna, 2005, p. 32

  • Ezio Trota, Carlo Mondani, Vittorio Lenzi, Gli anni di guerra fra Reno e Panaro, (1943-1945), Modena, Il fiorino, 2003, pp. 104-107
  • Dario Zanini, Marzabotto e dintorni, 1944, Bologna, Ponte nuovo, 1996, pp. 619-620

A.N.P.I. Pianoro - Sezione "Franco Bonafede" - Cronologia della Liberazione


Contenuto inserito il 3 apr 2021
vedi tutto l’anno 1945