Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

1 giugno 1935

Grandi stabilimenti Ducati a Borgo Panigale

Dove
Via Antonio Cavalieri Ducati, 74/5, 40132 Bologna BO

Il 1° giugno viene posta la prima pietra dei nuovi grandi stabilimenti della Ducati a Borgo Panigale. Sono edificati in breve tempo, secondo uno schema lineare e razionale, che prevede il palazzo degli uffici di direzione sulla via Emilia e un corridoio centrale per l'accesso ai capannoni delle diverse lavorazioni.

Lungo le pareti dei vari reparti sono inserite scritte luminose con varie prescrizioni: "camminare velocemente", "parlare sottovoce", ecc. Il tono generale della fabbrica è serio e laborioso. Il livello dei servizi è elevato: all'interno vi sono mense per gli operai, aule di lettura, campi da gioco.

Dai 50 dipendenti del 1929, la ditta ne occupa ora oltre 1.000. Si espanderà per le forniture belliche durante la guerra d'Etiopia, toccando i 2.300 lavoratori nel 1940 e i 5.345 nel 1943, punta massima di occupati.

Già dal 1935 la fabbrica Ducati è dichiarata ausiliaria (addetta alla produzione bellica), per la fornitura all'esercito di stazioni radio da campo, radio sonde, altoparlanti, antenne, apparecchi radio.

Tra il 1936 e il 1939 si consoliderà nella produzione di strumenti radio-elettro-meccanici di precisione. Oltre che i condensatori, settore nel quale Ducati è leader mondiale, l'azienda produrrà, prima dello scoppio del conflitto mondiale, la calcolatrice elettrica Duconta, il rasoio elettrico Raselet e il Dufono, apparecchio di comunicazione a viva voce.

Approfondimenti
  • Luigi Arbizzani, La Costituzione negata nelle fabbriche. Industria e repressione antioperaia nel Bolognese, 1947-1966, 2. ed. ampl. con Appendice 2001, Bologna, Pass, 2001, pp. 20-21
  • Luigi Bianchi, Marco Masetti, "Motociclismo" racconta la storia della Ducati, Milano, Edisport, 1997
  • Bologna 1938-1945: guida ai luoghi della guerra e della Resistenza, San Giovanni in Persiceto, Aspasia, 2005, p. 38
  • Bologna nelle sue cartoline, a cura di Antonio Brighetti, Franco Monteverde, Cuneo, L'arciere, 1986, v. 1.: Storia e cronaca locale, p. 136 (ill.)

  • Bruno Cavalieri Ducati, Storia della Ducati, Rastignano, Editografica, 1991, p. 49 sgg. (foto)
  • Marcello Cicognani, Motori e passione. Dal cuore dell’Emilia Romagna i grandi nomi che hanno fatto leggenda nel mondo, Treviso, Editoriale Programma, 2016, pp. 66-67
  • I luoghi dell'industria fra trasformazione urbana e abbandono, fotografie di Ivano Adversi, Bologna, Editrice Socialmente, 2013, p. 10, 24 (foto)
  • Maria Angela Neri, Quando si tirava la vita coi denti …, a cura di Gianfranco Paganelli, Bologna, Centro sociale ricreativo culturale Santa Viola, 2004, pp. 180-182
  • Maria Pace Marzocchi, Marzocchi. Storia di una officina meccanica bolognese, Bologna, Conti Ediservices, 1999, pp. 12-27
  • Giorgio Pedrocco, Bologna industriale, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, pp. 1071-1072
  • Donata Pracchi, Una fra le tante. Gabriella Zocca, memorie di Bologna, Bologna, Pendragon, 2018, pp. 26-29
  • Trent'anni di fotografie Villani a Bologna. 1920-1950, coordinamento editoriale di Sandra Mazza e Nazario Sauro Onofri, Bologna, Cappelli, 1988, (foto) pp. 202-203
  • Anna Zucchini, Linceo Graziosi, Gli anni difficili. Antifascismo, ricostruzione post bellica e sviluppo industriale nei ricordi di due operai metalmeccanici, a cura di Giovanni Mottura, Rastignano (BO), Litosei, stampa 2001, p. 100
vedi tutto l’anno 1935