Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

1 gennaio 1915

Le "scatolette" di Casaralta

Nell'area militare di Forte Galliera (Casa Ralta) è in funzione un grande stabilimento per la preparazione della carne in scatola destinata alle truppe al fronte. Vi vengono macellati ogni giorno circa 150 bovini, il che consente la confezione di 200.000 scatolette e migliaia di porzioni di dadi da brodo e condimenti per la minestra in boccette.

Nella fabbrica lavorano oltre 1.500 soldati e numerosi civili, tra i quali 350 donne. Un primo, "modestissimo" impianto di conserve alimentari per le forze armate è stato avviato nell'ex convento dei Frati Gaudenti a Casaralta fin dal 1876, dopo la dismissione del campo trincerato bolognese. Esso si è ingrandito nei decenni seguenti, ma solo dal 1912 è divenuto un grande complesso industriale, pienamente controllato dal Ministero della Guerra.

La gestione è affidata a ditte appaltatrici, che forniscono il bestiame da macellare e provvedono alla lavorazione. Nei pressi dell'impianto è costruito un grande panificio per i militari di stanza a Bologna.

Durante il conflitto il carnificio militare sarà dotato di nuove stalle, di un nuovo mattatoio, di un gigantesco frigorifero per la conservazione di carni congelate e di una falegnameria per gli imballaggi. Le mercedi piuttosto basse degli operai saranno la causa di continue agitazioni, in parte guidate dalla Camera del Lavoro. Nell'aprile 1918 un centinaio di operaie saranno licenziate in tronco per aver partecipato a uno sciopero.

Intorno al 1940 lo stabilimento di Casaralta cesserà di produrre carne in scatola, e sarà adibito a deposito di derrate alimentari per l'Esercito.

Ingresso della caserma Sani a Casaralta (BO)
Ingresso della caserma Sani a Casaralta (BO)
Caserma di Casaralta - l'area ospitava il "carnificio" militare
Caserma di Casaralta - l'area ospitava il "carnificio" militare
Muro di cinta della ex caserma di Casaralta
Muro di cinta della ex caserma di Casaralta
Uno dei silos dello stabilimento militare di Casaralta (BO) - In via di demolizione nel 2012
Uno dei silos dello stabilimento militare di Casaralta (BO) - In via di demolizione nel 2012
Uno degli edifici più antichi nella zona dello stabilimento militare di Casaralta (BO)
Uno degli edifici più antichi nella zona dello stabilimento militare di Casaralta (BO)
Bibliografia
  • Tiziano Costa, Bologna durante la Grande guerra. Storie di cent'anni fa, Bologna, Costa, 2015, pp. 62-65 (foto)
  • Tiziano Costa, Bologna mai vista. 200 foto segrete, Bologna, Costa, 2009, p. 41
  • Tiziano Costa, Il secolo scorso a Bologna. Storia e vita del Novecento, Bologna, Costa, 2006, pp. 63-64
  • Fabio Degli Esposti, La grande retrovia in territorio nemico. Bologna e la sua provincia nella Grande Guerra (1914-1918), Milano, Edizioni Unicopli, 2017, pp. 415-416, 424
  • Fabio Degli Esposti, L'industria bolognese nella Grande Guerra, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, pp. 98-99
  • Giampiero Menarini, Bologna e le sue corse automobilistiche. Dalle origini alla Coppa Florio, Bologna, Giraldi, 2008, p. 23
  • Giorgio Pedrocco, Bologna industriale, in: Storia di Bologna, a cura di Renato Zangheri, Bologna, Bononia University Press, 2013, vol. 4., tomo 2., Bologna in età contemporanea 1915-2000, a cura di Angelo Varni, pp. 1040-1041
  • Marco Poli, Bologna com'era, Argelato, Minerva, 2020, pp. 11-12
  • Il Risorgimento a Bologna. I personaggi dell'Unità d'Italia intorno alle due torri, a cura di Giuseppe Maria Mioni e Marco Poli, Bologna, Studio Costa, 2010, pp. 147-148
  • Il sindacato nel Bolognese. Le camere del lavoro di Bologna dal 1893 al 1960, a cura del Centro documentazione-archivio storico della Camera del lavoro territoriale di Bologna, Roma, Ediesse, 1988, p. 61

evento inserito il 23 giu 2020