Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

5 maggio 1866

Gioacchino Napoleone Pepoli eletto sindaco

Dopo le elezioni di maggio, diviene Sindaco Gioacchino Napoleone Pepoli (1825-1881), figlio di Letizia Murat e pronipote di Napoleone, affiliato alla Loggia “Galvani” a Bologna.

Oltre che un precoce autore teatrale, è stato un protagonista del Risorgimento bolognese, tra i promotori della Società Nazionale, intermediario di Cavour presso Napoleone III, quindi deputato e ministro del nuovo Regno d'Italia.

Nel 1863 ha ricoperto la carica di ambasciatore presso lo Zar di Russia. Rimarrà a capo dell'Amministrazione comunale fino al maggio 1868, anno in cui diverrà senatore e ambasciatore del Regno d'Italia a Vienna.

Ritratto di Gioacchino Napoleone Pepoli sulla facciata di Palazzo Pepoli Nuovo (BO)
Ritratto di Gioacchino Napoleone Pepoli sulla facciata di Palazzo Pepoli Nuovo (BO)
Tomba Pepoli - Cimitero della Certosa (BO)
Tomba Pepoli - Cimitero della Certosa (BO)
Tomba Pepoli - Cimitero della Certosa (BO) - particolare
Tomba Pepoli - Cimitero della Certosa (BO) - particolare
Tomba Pepoli - Cimitero della Certosa (BO) - particolare
Tomba Pepoli - Cimitero della Certosa (BO) - particolare
Busto di Gioacchino Napoleone Pepoli - Cimitero della Certosa (BO)
Busto di Gioacchino Napoleone Pepoli - Cimitero della Certosa (BO)
Lapide di G.N. Pepoli alla Certosa (BO)
Lapide di G.N. Pepoli alla Certosa (BO)
Tomba di Letizia Pepoli figlia di Gioacchino Murat e madre di G.N. Pepoli - Cimitero della Certosa (BO)
Tomba di Letizia Pepoli figlia di Gioacchino Murat e madre di G.N. Pepoli - Cimitero della Certosa (BO)
Bibliografia
  • Alessandro Albertazzi, I sindaci di Bologna. Gioacchino Napoleone Pepoli, in: "Strenna storica bolognese", 40 (1990), pp. 19-27
  • Umberto Beseghi, Palazzi di Bologna, 2. ed., Bologna, Tamari, 1957, p. 132, 134
  • Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, vol. 3., pp. 289, 296, 412-413
  • Marina Calore, Il teatro del Corso 1805-1944. 150 anni di vita teatrale bolognese tra aneddoti e documenti, Bologna, Lo scarabeo, 1992, p. 107
  • Il Consiglio provinciale. La storia attraverso le strade, Bologna, a cura della Presidenza Consiglio della Provincia, 2011, p. 97
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 144
  • Romolo Dodi, Esponenti della Compagnia dei Lombardi protagonisti nel governo del Comune di Bologna (1802-1868), in: L'antica Compagnia dei Lombardi in Bologna. Un passato presente, mostra e catalogo a cura di Massimo Medica, Silvia Battistini, Cinisello Balsamo (MI), Silvana Editoriale, 2019, p. 37
  • Elena Musiani, Donne della massoneria a Bologna, in: Bologna massonica. Fra passione e ragione, a cura di Giovanni Greco, 3. ed., Bologna, CLUEB, 2016, p. 79
  • Marco Poli, Cose d'altri tempi 2. Frammenti di storia bolognese, Argelato, Minerva Edizioni, 2011, pp. 29-30
  • Valeria Roncuzzi, Mauro Roversi Monaco, Bologna s'è desta! Itinerario risorgimentale nella città, Argelato (BO), Minerva, 2011, pp. 250-251

contenuto inserito il 14 set 2020