Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

18 gennaio 1855

Condanne di prigionieri politici

Il Governo Militare Austriaco emette le condanne degli oppositori politici arrestati dopo le ultime cospirazioni mazziniane. Secondo una barbara consuetudine, ai prigionieri vengono lette le condanne pronunciate dal Tribunale - quasi tutte capitali e per impiccagione  - e, dopo che gli “infelici” hanno assaporato l'angoscia della morte imminente, le pene vengono commutate per grazia del Feldmaresciallo Radetzky.

Tra i condannati vi sono alcuni esponenti di rilievo dell'opposizione repubblicana, come Gregorio Gregorini (1826-1907), volontario del '48 distintosi nella difesa di Bologna; Natale Cervellati (1823-1883), parrucchiere nella cui bottega si svolgevano le riunioni mazziniane; Anna Grassetti Zanardi (1815-1896), organizzatrice dei comitati insurrezionali e ospite nella sua casa di molti cospiratori; Pietro Nanetti (1820-1876), a lungo incaricato di smistare ordini e stampe clandestine del movimento mazziniano.

Filippo Minarelli (1818-1889) e Filippo Stanzani (1832-1898), ripresi nel Ducato di Modena dopo essere evasi dal carcere dell'Annunziata, vengono più volte torturati a bastonate, perché confessino i nomi dei loro complici. Tutti i prigionieri saranno tradotti al carcere pontificio di Civita Castellana. Lungo il percorso riceveranno testimonianze di affetto e anche soccorsi in denaro.

Bibliografia
  • Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, vol. 2., pp. 320-323

contenuto inserito il 15 ago 2018