Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

6 giugno 1848

Moto antirepubblicano

Alcune voci non controllate - diffuse ad arte da “subdoli agitatori del partito austriacante” - raccontano di elementi repubblicani fuggiti dalla Lombardia, che intendono organizzare un'insurrezione nello Stato Pontificio. Il popolo prorompe in grida di morte contro i repubblicani, invettive ribadite con scritte sui muri della città.

Il pomeriggio del 6 giugno un folto corteo popolare, al quale si aggiungono i lavoranti della Casa di lavoro dell'Abbadia, gira per le strade centrali, gridando, oltre che contro i repubblicani, anche contro i liberali.

Particolarmente preso di mira è il Circolo Felsineo, designato come un "nido di nemici d'Italia". Alcuni popolani si raccolgono davanti al Caffè del Commercio e cominciano a tirare sassi contro questo locale, ritenuto un covo di repubblicani.

Ne nasce presto una colluttazione con i clienti abituali, con alcuni feriti. La polizia non interviene, ingenerando sospetti di connivenza del Governo con i manifestanti.

Di fronte a questi fatti, e alle incertezze dei responsabili della cosa pubblica, crescono gli aderenti al partito di Carlo Alberto. Dopo due giorni il Legato Amat pubblica finalmente un proclama, che esorta all'ordine e alla concordia tra i cittadini nella difficile contingenza.

Bibliografia
  • Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, v. 1., pp. 366-368
  • Giovanni Natali, I circoli politici bolognesi nel 1848-49, in: "Rassegna storica del Risorgimento", (1938), pp. 184-185


contenuto inserito il 24 ott 2021