Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

12 maggio 1848

La morte di Alessandro Guidotti

Nel corso di una disperata sortita contro gli Austriaci nei pressi di Treviso, muore colpito in pieno petto da una palla nemica il marchese Alessandro Guidotti Magnani (1790-1848), discendente di una nobile famiglia senatoria bolognese e protagonista delle campagne militari fin dall'epoca napoleonica, dove meritò la Legion d'Onore e la Corona di Ferro.

E' stato paggio di Eugenio Beauharnais e ufficiale d'ordinanza di Gioacchino Murat. Di idee liberali, ha militato nel 1831, con il grado di colonnello agli ordini del generale Zucchi, nell'esercito delle Provincie Unite.

Quindi, a seguito della reazione pontificia, è emigrato in vari paesi europei. Nel 1847 è stato nominato Comandante in Capo della Guardia Civica di Bologna.

Nel fatto d'arme di Cornuda è stato accusato di imperizia dal generale Ferrari e degradato da generale di brigata, una umiliazione che ha accettato, pur di continuare a combattere, come semplice soldato, sulle barricate di Porta San Tommaso.

Il corpo di Guidotti sarà recuperato personalmente dalla marchesa Anna Sampieri, la “Sampireina”, moglie separata del marchese Francesco, che da lui ha avuto un figlio.

Assieme a Guidotti rimane ferito alla spalla e a una mano anche il padre Ugo Bassi, che invano aveva tentato di trattenerlo.

Bolognesi morti combattendo per l'Italia - lapide sul muro esterno del palazzo comunale (BO)
Bolognesi morti combattendo per l'Italia - lapide sul muro esterno del palazzo comunale (BO)
Bolognesi morti combattendo per l'Italia - In alto al centro il nome di Alessandro Guidotti
Bolognesi morti combattendo per l'Italia - In alto al centro il nome di Alessandro Guidotti
Bibliografia
  • Silvia Benati, Un affresco politico-sociale: la Società del Casino (1809-1823), in: Negli anni della Restaurazione, a cura di Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Museo del Risorgimento, 2000, pp. 104-105, nota 375
  • Bologna massonica. Le radici, il consolidamento, la trasformazione, a cura di Giovanni Greco, Bologna, CLUEB, 2007, p. 221
  • Giuseppe Bosi, Archivio patrio di antiche e moderne rimembranze felsinee, rist. anast., Sala Bolognese, A.Forni, 1975, vol. 4., pp. 87-90
  • Enrico Bottrigari, Cronaca di Bologna, a cura di Aldo Berselli, Bologna, Zanichelli, 1960-1962, v. 1., pp. 215-216, 345-346: Tommaso de' Buoi, Diario delle cose principali accadute nella città di Bologna dall'anno 1796 fino all'anno 1821, a cura di Silvia Benati, Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Bononia University Press, 2005, p. 569, nota 15, 584, nota 22
  • Giulio Cavazza, Cospirazioni e moti risorgimentali dal 1831 al 1845 nei ricordi di Augusto Aglebert, in: Negli anni della Restaurazione, a cura di Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Museo del Risorgimento, 2000, p. 141, nota 2
  • Giulio Cavazza, Bologna dall'età napoleonica al primo Novecento, in: Storia di Bologna, a cura di Antonio Ferri, Giancarlo Roversi, Bologna, Bononia University Press, 2005, p. 310
  • Tiziano Costa, Grande libro dei personaggi di Bologna. 420 storie, Bologna, Costa, 2019, p. 106
  • Carlo Manelli, La Massoneria a Bologna dal XII al XX secolo, Bologna, Analisi, 1986, p. 72
  • Elena Musiani, Circoli e salotti femminili nell'Ottocento. Le donne bolognesi tra politica e sociabilità, Bologna, CLUEB, 2003, pp. 75-76
  • Elena Musiani, Donne della massoneria a Bologna, in: Bologna massonica. Fra passione e ragione, a cura di Giovanni Greco, 3. ed., Bologna, CLUEB, 2016, p. 79
  • Ugo Pesci, I bolognesi nelle guerre nazionali, a cura della Federazione fra le Società militari della città e Provincia di Bologna, Bologna, Zanichelli, 1906, pp. 8, 58-59
  • Ettore Stanzani, Corpo delle pattuglie cittadine, 1820-1961, Rocca San Casciano, Cappelli, 1962, p. 22
  • Torri e castelli. Bologna e la sua provincia. Storia, dizionario biografico, opere d'arte, notizie d'oggi, 2. ed. ampliata a cura di Luigi Arbizzani e Pietro Mondini, Bologna, Editrice Galileo, 1966, p. 126

contenuto inserito il 16 nov 2020