Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

24 giugno 1806

Gioachino Rossini è ammesso al Liceo musicale

Figlio di Giuseppe, detto Vivazza, suonatore di banda con idee giacobine, originario di Lugo, e di Anna Guidarini, cantante lirica abbastanza famosa, il giovane Gioachino Rossini (1792-1868) è accolto al Liceo Musicale.

A soli 13 anni è comparso in scena al teatro del Corso nell'opera Camilla, ossia Il Sotterraneo di Ferdinando Paer, recitando la parte del piccolo Adolfo.

Nell'aprile 1806 nell'Oratorio della Compagnia di S.Maria della Morte, ha cantato come contralto la parte di Maddalena nella Passione di padre Stanislao Mattei, il più noto compositore bolognese dell'epoca, ottenendo un grande successo.

Nella commissione esaminatrice, composta da membri dell'Accademia Filarmonica, siede anche l'anziano Antonio Mazzoni, presente già nel 1770, al tempo dell'aggregazione di Mozart. Rossini viene ammesso nella classe dei Cantori.

Il 15 aprile 1806 entra nella scuola di violoncello con Vincenzo Cavedagna e il 24 giugno chiede ed ottiene l'aggregazione all'Accademia Filarmonica, in considerazione dei "progressi nella Professione".

L'anno seguente potrà seguire le lezioni di contrappunto di padre Stanislao Mattei e quelle di pianoforte di Callisto Zanotti. Il rapporto con padre Mattei, docente di fama europea ed erede di Giovanni Battista Martini, non sarà facile per il giovane Rossini, amante della musica di Haydn e Mozart e perciò chiamato dal maestro “il tedeschino”.

Per l'anziano maestro la musica tedesca sarà sempre “astrusa e oscura”, più adatta agli strumenti che alle voci. E poi noterà nell'allievo troppa libertà e parecchi strappi alle buone regole. Ma nonostante frequenti esortazioni e rimproveri, non riuscirà a far presa nel suo animo ribelle.

Di Mattei Rossini apprezzerà la scrittura musicale e le correzioni istruttive, ma non sopporterà la sua ritrosia nelle spiegazioni verbali. La rottura definitiva avverrà nel 1810: il giovane musicista pesarese partirà per Venezia, dove comincerà a comporre le opere che lo renderanno famoso.

La lapide ricorda l'iscrizione di Rossini al Liceo musicale di Bologna
La lapide ricorda l'iscrizione di Rossini al Liceo musicale di Bologna
Aula del conservatorio di Bologna intitolata a Gioacchino Rossini
Aula del conservatorio di Bologna intitolata a Gioacchino Rossini
Busto di Gioacchino Rossini - Museo Internazionale della Musica (BO)
Busto di Gioacchino Rossini - Museo Internazionale della Musica (BO)
Ritratto di G. Rossini - Casa Museo Rossini - Pesaro
Ritratto di G. Rossini - Casa Museo Rossini - Pesaro
Ritratto di G. Rossini - Casa Museo Rossini - Pesaro
Ritratto di G. Rossini - Casa Museo Rossini - Pesaro
Atto di nascita di Gioacchino Rossini - Casa Museo Rossini - Pesaro
Atto di nascita di Gioacchino Rossini - Casa Museo Rossini - Pesaro
Casa natale di Rossini a Pesaro
Casa natale di Rossini a Pesaro
Lapide nella stanza dove nacque G. Rossini - Casa Museo Rossini - Pesaro
Lapide nella stanza dove nacque G. Rossini - Casa Museo Rossini - Pesaro
Bibliografia
  • Marco Beghelli, L'apprendistato bolognese di Rossini, in: Viaggio a Rossini, a cura di Luigi Ferrari, Bologna, Nuova Alfa, 1992, pp. 69-87
  • Cristina Bersani, Leopardi e il teatro a Bologna, in: Giacomo Leopardi e Bologna: libri, immagini e documenti, a cura di Cristina Bersani e Valeria Roncuzzi Roversi-Monaco, Bologna, Pàtron, 2001, p. 232
  • Bologna visitata in bicicletta, a cura del del Monte Sole Bike Group, Ozzano Emilia, Arti Grafiche Reggiani, 1999, p. 125
  • Marina Calore, Bologna a teatro. L'Ottocento, Bologna, Guidicini e Rosa, 1982, p. 41
  • Marina Calore, Storie di teatri, teatranti e spettatori, in: In scena a Bologna. Il fondo Teatri e spettacoli nella Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna, 1761-1864, 1882, inventario e indici a cura di Patrizia Busi, Bologna, Comune, 2004, p. 39, nota 39

  • Marina Calore, Il teatro del Corso 1805-1944. 150 anni di vita teatrale bolognese tra aneddoti e documenti, Bologna, Lo scarabeo, 1992, p. 61
  • Damien Colas, Rossini. L'opera e la maschera, Torino, Electa/Gallimard, 1999, pp. 18-20

  • Vittorio Emiliani, Il furore e il silenzio. Vite di Gioachino Rossini, Bologna, Il Mulino, 2007, pp. 63-64
  • Maria Chiara Mazzi, Bologna nelle storie della musica. Un itinerario in otto tappe per una visita al Museo della Musica, Bologna, in riga edizioni, 2019, p. 30
  • Adriano Orlandini, Malibran & C.: cantanti al Comunale e dintorni, in: Gioachino in Bologna. Mezzo secolo di società e cultura cittadina convissuto con Rossini e la sua musica, a cura di Jadranka Bentini e Piero Mioli, Bologna, Pendragon, 2018, p. 74
  • Loris Rabiti, Il tocco di Polimnia. Maria Brizzi Giorgi, musicista, musa e mentore del giovane Rossini, introduzione di Antonio Castronuovo, Bologna, Pendragon, 2021, pp. 190-191, 199-201
  • Rossini a Bologna, note documentarie, in occasione (...), a cura di Luigi Verdi, Bologna, Patron, 2000, pp. 14-15, 17
  • Francis Toye, Rossini. Una vita sopra le righe, Milano, Ghibli, 2016, pp. 15-18
  • Francesco Vatielli, Rossini a Bologna. Parte prima, in: “L'Archiginnasio”, 12 (1917), pp. 176-177, 185

Documento del 9 apr 2021