Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

14 aprile 1801

Il nuovo cimitero della Certosa di San Girolamo

Il 3 marzo 1801 è stabilito un cimitero pubblico presso il monastero della Certosa di San Girolamo, soppresso nel 1797.

L'idea di un cimitero extraurbano risale al secolo precedente. Nel 1784 il Senato esamnò i progetti di quattro cimiteri appena oltre le mura, uno per ogni quartiere.

Nel 1797 Mauro Gandolfi, pittore e professore all'Accademia di Belle Arti, formulò invece l'ipotesi di un unico, grande camposanto nei pressi del Meloncello.

Il dott. Luigi Pistorini, presidente della Commissione sanitaria del Dipartimento del Reno, ha con tenacia promosso la soluzione economica e di immediata realizzazione del camposanto alla Certosa, "impresa che che per sé sola basterebbe a renderne chiarissima e benemerita la memoria".

Secondo il valente medico non c'è scelta migliore: l'antico convento "giace nel centro di ampia e deliziosa pianura". L'aria che lo investe e ravviva è per ogni lato libera, mossa ed “irrequieta”. Si trova in una zona soleggiata e bagnata da un torrente "copioso d'acqua".

Ad accudire il cimitero vengono nominati i Padri Zoccolanti dell'Annunziata, il cui convento in San Mamolo è trasformato in ospedale militare (assieme a San Michele in Bosco, che è anche carcere).

Come camera mortuaria è scelta la chiesa di San Rocco, situata in fondo a via del Pratello, a ridosso delle mura cittadine.

Il Presidente della Commissione di Sanità Berti con un proclama invita gli aspiranti addetti del nuovo cimitero a presentarsi: i portantini, che dovranno condurre i feretri dalle case alla camera mortuaria, quelli che li recheranno al cimitero "su carri tirati da muli", infine gli scavatori delle fosse.

Dal 13 aprile è proibito sotterrare i morti "qualunque siano in qualunquesiasi luogo" della città. Il 24 germile dell'anno IX repubblicano (14 aprile 1801) il nuovo camposanto accoglie le prime salme: un fornaio di 50 anni morto d'inedia e una donna di 53 anni di Borgo Polese morta di idropisia. Secondo altre fonti la prima sepoltura in Certosa è quella del monaco Faustino Baretti.

Per iniziativa dell'Accademia Clementina vengono qui raccolti i monumenti antichi provenienti dalle chiese e dai conventi della città. Gli accademici propongono di far trasportare i monumenti direttamente dalle famiglie, in cambio della sepoltura nel loggiato per cento anni senza ulteriori spese.

Per le numerose tombe senza eredi - alcune molto antiche e di grande valore artistico - i deputati dell'Accademia prospettano l'adozione, che comprende il trasporto e la sistemazione alla Certosa, in cambio dello stesso diritto d'uso.

Nella chiesa soppressa di San Girolamo sono concentrati anche parecchi affreschi raffiguranti la Beata Vergine, che in seguito troveranno sede nel chiostro detto, appunto, delle Madonne.

Nel 1803 sarà attuato il progetto di Ercole e Giovanni Bassani di quattro grandi pilastri per il cancello d'ingresso, sormontati dalle statue dei “Piangoloni” (o Piagnoni) di Giovanni Putti.

Per dare comodo accesso al cimitero, a partire dal 1811 verrà costruito, a cura dell'architetto Ercole Gasparini, un lungo portico collegato al Meloncello con quello di San Luca, con un grande arco (Arco Guidi) a scavalcare la strada per Casalecchio.

Nel 1816 l'arcivescovo di Bologna Oppizzoni riconoscerà il cimitero della Certosa come luogo sacro e nel 1821 il consiglio comunale delibererà l'allestimento, all'interno di esso, di una sala contenente i busti degli “Uomini Illustri e Benemeriti” della città.

Approfondimenti
  • Arte fuori le mura. Aspetti del patrimonio culturale del quartiere Costa-Saragozza dal Medioevo all'età della restaurazione, a cura di Donatella Biagi Maino, Roberta Bianconi Ventura, Cristina Casali, Massimo Medica, Bologna, Tamari, 1985, pp. 89-94

  • Atlante storico delle città italiane, diretto da Francesca Bocchi e da Enrico Guidoni, Emilia-Romagna, vol. 2., Bologna, tomo 4., Dall'età dei Lumi agli anni Trenta (secoli XVIII-XX), a cura di Giovanni Greco, Alberto Preti, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Grafis, 1998, p. 34
  • Luca Baccolini, I luoghi e i racconti più strani di Bologna. Alla scoperta della "dotta" lungo un viaggio nei suoi luoghi simbolo, Roma, Newton Compton, 2019, pp. 10-12
  • Barbara Baraldi, 101 perchè sulla storia di Bologna che non puoi non sapere, Roma, Newton Compton, 2018, pp. 256-258
  • Silvia Benati, Un affresco politico-sociale: la Società del Casino (1809-1823), in: Negli anni della Restaurazione, a cura di Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Museo del Risorgimento, 2000, p. 117, nota 581 (L. Pistorini)
  • Franco Bergonzoni, Venti secoli di città. Note di storia urbanistica bolognese, Bologna, Cappelli, 1980, pp. 91-92
  • Sandra Berresford, Italian memorial sculpture 1820-1940. A legacy of love, London, Lincoln, 2004, pp.40-43
  • Umberto Beseghi, Introduzione alle chiese di Bologna, 2. ed., Bologna, Tamari, 1955, pp. 262-268 (oratorio di S. Rocco), 299-305 (S. Girolamo della Certosa)
  • Beatrice Bettazzi, La città e il suo cimitero: i progetti per la Certosa, in: All'ombra de' cipressi e dentro l'urne... I cimiteri urbani in Europa a duecento anni dall'editto di Saint Cloud, Bologna, Bononia University Press, 2007, pp. 237-239
  • Giuseppe Bosi, Archivio patrio di antiche e moderne rimembranze felsinee, rist. anast., Sala Bolognese, A.Forni, 1975, vol. 3., pp. 241-249
  • Tommaso de' Buoi, Diario delle cose principali accadute nella città di Bologna dall'anno 1796 fino all'anno 1821, a cura di Silvia Benati, Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Bononia University Press, 2005, p. 145, 147-148, 456, note 21, 23
  • Daniela Camurri, L'arte perduta. Le requisizioni di opere d'arte a Bologna in età napoleonica, 1796-1815, San Giorgio di Piano, Minerva, 2003, p. 101
  • Daniela Camurri, Il tema del cimitero come soggetto letterario nella Bologna dell'Ottocento, in: All'ombra de' cipressi e dentro l'urne... I cimiteri urbani in Europa a duecento anni dall'editto di Saint Cloud, Bologna 24-26 novembre 2004, Bologna, Bononia University Press, 2007, p. 294
  • Francesco Ceccarelli, Architetture di stato per Bologna, “centrale” della Repubblica Cispadana (marzo-maggio 1797): progetti e realizzazioni, in: I "Giacobini" nelle legazioni. Gli anni napoleonici a Bologna e Ravenna, atti (ecc.), a cura di Angelo Varni, Bologna, Costa, 1996, vol. 2., p. 211
  • Francesco Ceccarelli, Il cimitero della Certosa a Bologna in età napoleonica, in: La Certosa di Ferrara. Una città nella città. La configurazione dello spazio tra disegno e progetto, a cura Manuela Incerti, Bologna, Bononia University Press, 2016, pp. 142-157
  • Francesco Ceccarelli, La "cittadella tumularia". Progetti architettonici di Ercole Gasparini per il cimitero della Certosa in età napoleonica, in: L'architettura della memoria in Italia. Cimiteri, monumenti e città. 1750-1939, Milano, Skira, 2007, pp. 75-84
  • Francesco Ceccarelli, L'intelligenza della città. Architettura a Bologna in età napoleonica, Bologna, Bononia University Press, 2020, pp. 99-103

  • La Certosa di Bologna. Un libro aperto sulla storia, Bologna, Museo civico del Risorgimento, 23 maggio - 5 luglio 2009, a cura di Roberto Martorelli, Bologna, Tipografia moderna, 2009, pp. 35-39
  • Il cholera morbus nella città di Bologna l'anno 1855, relazione della Deputazione comunale di Sanità, preceduta da notizie storiche intorno le pestilenze nel bolognese, Bologna, Tip. governativa Della Volpe e Del Sassi, 1857, pp. 150-151
  • Cimiteri d'Europa. Un patrimonio da conoscere e restaurare, a cura di Mauro Felicori e Annalisa Zanotti, Bologna, Comune di Bologna, 2004, pp. 42-43
  • Coscienza urbana e urbanistica tra due millenni, vol. 1., Fatti bolognesi dal 1796 alla prima guerra mondiale, Bologna, San Giorgio in Poggiale, 11 dicembre 1993-13 febbraio 1994, a cura di Franca Varignana, Bologna, Grafis, 1993, p. 68 (veduta), 143, 146-149
  • Tiziano Costa, Chiese di Bologna. Storia, arte e cronaca, Bologna, Costa, 2009, pp. 85-86
  • Tiziano Costa, Il grande libro delle mura di Bologna, Bologna, Costa, 2010, pp. 132-133, 176
  • Giampiero Cuppini, Storia urbanistica di Bologna dal Cinquecento al Settecento. Il nuovo volto della città, in: Storia illustrata di Bologna, a cura di Walter Tega, Milano, Nuova ed. AIEP, 1989, vol. 2., pp. 318-319
  • Patrizia Cuzzani, Certosa monumentale, in: Un patrimonio di esperienze sulla didattica del patrimonio, a cura di Beatrice Borghi, Bologna, Patron, 2008, pp. 121-129
  • Carlo De Angelis, Architettura monumentale del cimitero della Certosa. Genesi e trasformazioni nel secolo XIX, in: La Certosa di Bologna. Immortalità della memoria, a cura di Giovanna Pesci, Bologna, Compositori, 1998, p. 171
  • Marcello Fini, Bologna sacra. Tutte le chiese in due millenni di storia, Bologna, Pendragon, 2007, p. 10
  • Giuseppe Guidicini, Cose notabili della città di Bologna, ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, vol. 3., Bologna, Società Tipografica dei compositori,  1870, pp. 319-338
  • Giuseppe Guidicini, Diario bolognese. Dall'anno 1796 al 1818, Bologna, Forni, 1976, vol. 2., p. 114, 119
  • Maria Chiara Liguori, Le vie dell'orgoglio. Toponomastica risorgimentale e nuovo volto della Bologna post-unitaria, in: ... E finalmente potremo dirci italiani. Bologna e le estinte Legazioni tra cultura e politica nazionale 1859-1911, a cura di Claudia Collina, Fiorenza Tarozzi, Bologna, Editrice Compositori - Istituto per i Beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna, 2011, p. 331
  • Francesco Majani, Cose accadute nel tempo di mia vita, a cura di Angelo Varni, Venezia, Marsilio, 2003, p. 27, nota 72
  • Giuseppe Pittano, Carla Xella, I giorni di Bologna e dell'Emilia-Romagna, Bologna, Cappelli, 1978, p. 240
  • Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 184
  • Gida Rossi, Bologna nella storia nell'arte e nel costume, Sala Bolognese, Forni, 1980, p. 503
  • San Giovanni in Monte recuperato, a cura di Roberto Scannavini, Bologna, Grafis, 1996, p. 43
  • Enrico Schiavina, La Certosa di Bologna dal sec. XIX ad oggi, in: "Strenna storica bolognese", 1984, pp. 343-360
  • Angelo Varni, Bologna napoleonica. Potere e società dalla Repubblica Cisalpina al Regno d'Italia, 1800-1806, Bologna, M. Boni, 1973, p. 79
  • Fabia Zanasi, Interventi e proposte dell'architetto Ercole Gasparini nell'urbanistica bolognese d'età neoclassica, in "Il carrobbio", 4 (1978), pp. 449-451

vedi tutto l’anno 1801