Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

10 agosto 1800

Gli "Orazi e Curiazi" di Cimarosa al Comunale

La tragedia per musica Orazi e Curiazi in scena al Teatro comunale il 10 agosto celebra il mito di Roma repubblicana e segna il ritorno a Bologna delle truppe francesi.

Dopo l'esordio a Venezia nel 1798, l'opera di Domenico Cimarosa, interpretata da Domenico Mombelli e Teresa Bertinotti, ha avuto ovunque un'accoglienza trionfale.

A Bologna è data in onore del commissario Giuseppe Pellegrini, incaricato di riorganizzare il Dipartimento del Reno. Come ospite di riguardo, egli è accolto, secondo tradizione, con la sontuosa illuminazione esterna e interna del teatro e con il veglione di gala dopo lo spettacolo.

Domenico Mombelli (1751-1835) è già stato protagonista a Bologna nel 1796 accanto alla Billington e vi tornerà nel dicembre 1801, recitando nell'ultima opera data al teatro Zagnoni prima dell'incendio.

Teresa Bertinotti (1776-1854) è di nuovo a Bologna, dopo alcuni anni di presenza nei più importanti teatri d'Europa. Abbandonerà le scene nel 1826 e aprirà in via Santo Stefano una frequentata scuola di canto, dove continuerà a insegnare, assieme al figlio Carlo, fino al 1850.

Bibliografia
  • Marina Calore, Storie di teatri, teatranti e spettatori, in: In scena a Bologna. Il fondo Teatri e spettacoli nella Biblioteca dell'Archiginnasio di Bologna, 1761-1864, 1882, inventario e indici a cura di Patrizia Busi, Bologna, Comune, 2004, p. 29

  • Libertà cara sei troppo amabile. Musica e teatro a Bologna dall'antico al nuovo regime, 1796-1805, a cura di Marina Calore, Bologna, Lo scarabeo, 1996, p. 13, 36, 38-40, 53
  • Un mondo di musica. Concerti alla Società del Casino nel primo Ottocento, a cura di Maria Chiara Mazzi, Bologna, Museo del Risorgimento, 2014, p. 46 (Teresa Bertinotti Radicati), 153 (Domenico Mombelli)
  • Loris Rabiti, Il tocco di Polimnia. Maria Brizzi Giorgi, musicista, musa e mentore del giovane Rossini, introduzione di Antonio Castronuovo, Bologna, Pendragon, 2021, pp. 157-158, nota 1

evento inserito il 7 apr 2021