Cronologia di Bologna dal 1796 a oggi

Archivio di notizie sulla storia della città e del suo territorio dal 1796 ad oggi. Con riferimenti bibliografici, link, immagini.

6 gennaio 1798

L'apoteosi di Zamboni e De Rolandis

Dopo la rimozione dello stemma di papa Clemente XI, sulla sommità della colonna del Mercato è collocata un'urna con i resti mortali dei martiri Luigi Zamboni (1772-1795) e Giambattista De Rolandis (1774-1796), artefici nel 1794 di una congiura contro il governo pontificio.

A mezzogiorno del 6 gennaio nella piazza davanti alla Montagnola arriva la Guardia Nazionale preceduta dalla banda e seguita dal suo stato maggiore, assieme al comandante francese generale Lavallette.

La cassetta dei resti, tolta dal sagrato dei giustiziati presso San Giovanni Decollato, è portata come in trionfo, avvolta in un velo bianco e preceduta da Giuseppe Valeriani, moderatore del Circolo Costituzionale.

E' condotta dapprima all'albero della Libertà innalzato nella via Imperiale, dove Valeriani e Gavasetti tengono un'orazione per i giovani defunti, poi viene issata sulla colonna nel Mercato grazie a una impalcatura in legno.

Durante la cerimonia vengono cantati inni repubblicani, uno dei quali composto appositamente per la funzione. Una delle due iscrizioni apposte recita così:

T'arresta o Cittadin. L'urna qui serra
Le ceneri famose, e l'ossa ignude
Di lor, che invendicati andar sotterra
Vittime di romane anime crude,
Come lo spirito lor s'agita, ed erra
Intorno al sasso a risvegliar virtude!
Tremate o RE: che da quei teschi muti
Sorgon già contro di voi Felsinei Bruti.

La colonna sarà atterrata il 4 luglio 1799 dopo il rientro degli Austriaci.

Lapide sulla casa di via Strazzacappe (BO) in cui Zamboni e De Rolandis prepararono l'insurrezione del 1795
Lapide sulla casa di via Strazzacappe (BO) in cui Zamboni e De Rolandis prepararono l'insurrezione del 1795
La casa di via Strazzacappe (BO) in cui Zamboni e De Rolandis prepararono l'insurrezione del 1795
La casa di via Strazzacappe (BO) in cui Zamboni e De Rolandis prepararono l'insurrezione del 1795
Bibliografia
  • Giancarlo Bernabei, La Montagnola di Bologna. Storia di popolo, Bologna, Pàtron, 1986, p. 24, 118
  • Bologna visitata in bicicletta, a cura del del Monte Sole Bike Group, Ozzano Emilia, Arti Grafiche Reggiani, 1999, pp. 109-116
  • Luciano Bottoni, Il teatro giacobino e la città, in: I "Giacobini" nelle legazioni. Gli anni napoleonici a Bologna e Ravenna, atti (ecc.), a cura di Angelo Varni, Bologna, Costa, 1996, vol. 2., p. 369
  • Tommaso de' Buoi, Diario delle cose principali accadute nella città di Bologna dall'anno 1796 fino all'anno 1821, a cura di Silvia Benati, Mirtide Gavelli e Fiorenza Tarozzi, Bologna, Bononia University Press, 2005. p. 63, 65
  • Giulio Cavazza, Bologna dall'età napoleonica al primo Novecento, in: Storia di Bologna, a cura di Antonio Ferri, Giancarlo Roversi, Bologna, Bononia University Press, 2005, p. 263
  • Mariagrazia Esposito, Gianluca Stanzani, Persicetani uniti. Storie e uomini del Risorgimento bolognese (1815-1871), San Giovanni in Persiceto, Maglio, 2011, pp. 19-21
  • Giuseppe Guidicini, Cose notabili della città di Bologna, ossia Storia cronologica de' suoi stabili sacri, pubblici e privati, Bologna, Tipografia delle Scienze di G. Vitali, vol. 3., 1870, pp. 300-301
  • Giuseppe Guidicini, Diario bolognese. Dall'anno 1796 al 1818, Bologna, Forni, 1976, vol. 1., pp. 95-96, vol. 2., p. 44
  • Giovanni Natali, Bologna e le Legazioni Pontificie durante il periodo Napoleonico, in: Il 1859-'60 a Bologna, Bologna, Calderini, 1961, p. 6

  • Passi di danza, passi di parata. Feste civili e patriottiche a Bologna 1796-1870, a cura di Claudia Collina e Mirtide Gavelli, Bologna, Editcomp, 1994, p. 15
  • Marco Poli, Accadde a Bologna. La città nelle sue date, Bologna, Costa, 2005, p. 177, 179
  • Loris Rabiti, Il tocco di Polimnia. Maria Brizzi Giorgi, musicista, musa e mentore del giovane Rossini, introduzione di Antonio Castronuovo, Bologna, Pendragon, 2021, pp. 100-101
  • Il Risorgimento a Bologna, a cura di Giuseppe Maria Mioni e Marco Poli, Bologna, Studio Costa, 2010, p. 14 (data cit.: 6 febbraio)
  • Valeria Roncuzzi, Mauro Roversi Monaco, Bologna s'è desta! Itinerario risorgimentale nella città, Bologna, Minerva, 2011, pp. 45-47
  • Gida Rossi, Bologna nella storia nell'arte e nel costume, Sala Bolognese, Forni, 1980, p. 490
  • Le strade di Bologna. Una guida alfabetica alla storia, ai segreti, all'arte, al folclore (ecc.), a cura di Fabio e Filippo Raffaelli e Athos Vianelli, Roma, Newton periodici, 1988-1989, vol. 3., p. 623
  • Torri e castelli. Bologna e la sua provincia. Storia, dizionario biografico, opere d'arte, notizie d'oggi, 2. ed. ampliata a cura di Luigi Arbizzani e Pietro Mondini, Bologna, Editrice Galileo, 1966, p. 115 (G.B. De Rolandis), 168 (L. Zamboni)
  • Athos Vianelli, Bologna dimensione Montagnola, Bologna, Tamari, 1975, pp. 29-32, 129
  • Athos Vianelli, Bologna in controluce. Storie e curiosità fra un secolo e l'altro, Bologna, Inchiostri, 2001, pp. 76-77

Luigi Zamboni - Wikipedia

Contenuto inserito il 18 ott 2021 — ultimo aggiornamento il 3 mag 2022