Quando la terra trema

disastri naturali e colpe umane

L'Italia è una lingua di terra giovane, ancora in formazione da un punto di vista geologico. Lo dimostrano i vulcani presenti sul nostro territorio, alcuni dei quali a tutt'oggi attivi. Lo dimostra la giovane età della catena appenninica, formatasi "solo" venticinque milioni di anni fa. Ci troviamo inoltre nel mezzo dello scontro tra la placca africana e quella eurasiatica.

I terremoti ci appaiono fenomeni naturali incontenibili nella loro devastante potenza. Le attuali conoscenze della sismologia non ci permettono di prevedere con esattezza dove e quando si manifesterà il prossimo terremoto, ma gli scienziati possono calcolare le probabilità della sua occorrenza e individuare se un territorio ha un rischio sismico maggiore di un altro.

Il Belpaese è ricco di centri storici più o meno grandi, ma tutti ugualmente importanti per la nostra identità culturale e sociale. Prenderci cura del nostro territorio e di noi stessi vuol dire ovviamente costruire le nuove case secondo criteri antisismici ma anche applicare su quelle antiche tutti i rimedi che la tecnologia ci mette oggi a disposizione.

L'auspicio è ritrovare quella social catena di cui ci parla Giacomo Leopardi ne La ginestra, che spinse gli uomini a stringersi in società contro la natura crudele.

 

Array.fileTitle

Foto tratta da Flickr, by Hytok,
alcuni diritti riservati

Proposte della biblioteca