Cecoslovacchia: dal '68 alla Rivoluzione di velluto

Sono passati trent'anni dalla caduta del Muro di Berlino e dal successivo crollo del comunismo nell'Europa dell'Est.

I regimi comunisti caddero come castelli di carte con velocità inaspettata, in un'atmosfera piena di euforia e di grande aspettative.

Il nome la "Rivoluzione di velluto" fa riferimento al modo pacifico della trasformazione politica avvenuta in Cecoslovacchia tra novembre e dicembre 1989.

In quei giorni pieni di discussioni frenetiche nelle piazze, nei teatri, nelle scuole, nelle fabbriche si voleva prima di tutto riannodare il filo rotto del processo democratico della "Primavera di Praga".

Si riaccesero dibattiti su temi, tabù, e spazi e uomini volutamente dimenticati dalla storia.

Ivan Medek, Tutto bene, grazie. Dalla Cecoslovacchia di Masaryk alla rivoluzione di velluto e la nuova Repubblica Ceca, Milano, Medusa, 2010

Václav Havel, Interrogatorio a distanza, conversazione con Karel Hvíždala, Milano, Garzanti, 1990

Václav Havel, Un uomo al Castello, Treviso, Santi Quaranta, 2007


La Primavera di Praga

Francesco Leoncini, Dubček. Il socialismo della speranza. Immagini della primavera cecoslovacca, con un testo di Günter Grass, con contributi di Valentina Fava e Guido Gambetta, Roma, Gangemi, 2018

Primavera di Praga, risveglio europeo, a cura di Francesco Caccamo, Pavel Helan e Massimo Tria, Firenze, Firenze University Press, 2011

Enzo Bettiza, La primavera di Praga. 1968: la rivoluzione dimenticata, Milano, Mondadori, 2008

Demetrio Volcic, 1968. L'autunno di Praga, Palermo, Sellerio, 2008
IEI0287885

Array.fileTitle

Praga 1968
Part. di immagine da:
V. Giardino, Jonas Fink, parte III, Il Libraio di Praga - per gentile concessione dell'Autore

Proposte della biblioteca