La via dell'ombra

Bologna e le stragi: Italicus, Ustica, Stazione centrale, Rapido 904... per non dimenticare

giugno 2010

Si è costituito in Italia un potere invisibile il quale, essendo collegato al tempo stesso alla criminalità organizzata e al terrorismo, ad ambienti politico militari, ai settori dei servizi segreti, alla massoneria [...] ha potuto conseguire una capacità di controllo incredibile sui meccanismi istituzionali fino a divenire un vero e proprio Stato nello Stato.

da: P. Bollini, C. Rossi, I giorni della strage, San Lazzaro di Savena 1994, p. 5

Bologna è stata uno dei principali teatri della strategia della tensione. E' stata infatti direttamente coinvolta in quattro grandi attentati terroristici: le stragi sui treni (Italicus nel 1974 e Rapido 904 nel 1984), la strage della stazione e il tragico incidente aereo di Ustica, entrambi nel 1980. Questi eventi sono accomunati dalla determinazione, da parte di agenzie criminali e "pezzi" deviati di stato, a nascondere la verità e a lasciare impuniti i colpevoli, così come dalla contraria ostinazione a conoscere la verità e ad avere giustizia da parte di chi ha perduto i propri cari e da parte di tanti cittadini che considerano gli attentati un attacco alla democrazia e alla libertà. Questa bibliografia di libri e multimediali disponibili in Salaborsa è un piccolo contributo a tenere viva la memoria.

Una selezione dei titoli è disponibile in formato PDF:

64 - la via dell'ombra

Array.fileTitle

Lapide con le vittime delle stragi in piazza Nettuno a Bologna; foto di R. R.

Proposte della biblioteca