attualità

Xavier-Laurent Petit

Be safe

Barricati nel loro garage diventato sala prove, Oskar e il fratello maggiore Jeremy passano ore e ore a pestare su chitarra e basso, sgolandosi per imitare al meglio Sex Pistols e Clash. Jeremy ci crede davvero, anche perché ha lasciato presto la scuola per trovarsi un lavoro e farsi indipendente dalla famiglia, e vede in quella micro band un futuro. Ma sono ormai due anni che cerca lavoro invano, e le sue settimane scorrono inutili, con il solo conforto della musica. Un giorno però due uomini in uniforme militare lo avvicinano, e gli propongono un contratto nelle forze armate: se vorrà, imparerà a fare ponti e altre cose utili, senza nemmeno dover toccare le armi. Lui ci pensa, e quando comunica alla famiglia di aver firmato un accordo ben pagato per quattro anni, il padre sbianca, incredulo e disperato, e smette di parlare. Rifiuta persino di salutarlo quando parte con altri giovani del paese per la sua nuova vita.

Oskar si convince presto che quel padre bonaccione, carrozziere allegro e vitale nonostante una brutta invalidità alla gamba, dovuta a chissà cosa, in tutta probabilità nasconde un segreto, qualcosa di enorme nel suo passato che non ha mai voluto rivelare a nessuno.

E in effetti, ben occultati nella sua officina, ci sono documenti, lettere, annunci funebri che raccontano di una vita incompatibile con quella del padre che conosce, e vecchie fotografie che lo ritraggono che fanno venire i brividi. Stordito da quello che ha scoperto e dall'assenza dell'inseparabile fratello, Oskar riprende a suonare. Per fortuna trova sulla sua strada Marka, una giovane chitarrista con una voce formidabile, anche lei con un fratello appena arruolato, pronta ad accompagnarlo nella sua discesa agli inferi.

Array.nickname

Rizzoli
Milano, 2011
Collana: Rizzoli narrativa
ISBN: RAV1935781
Coll.: ADO Romanzi PET