La biblioteca vivente in Salaborsa

a un anno dalla tragedia di Lampedusa, l'esperienza del migrante raccontata da chi approda sulle nostre coste

Politologi, sociologi delle migrazioni, politici, giornalisti: solitamente le vicissitudini dei migranti sono raccontate - e così, in qualche modo, relegate - in pagine scritte da altri. Diverso è ascoltarle direttamente dalla viva voce di chi, perseguitato nel proprio paese, è fortunosamente approdato sulle nostre coste.

E' questa l'opportunità che 100 thousand poets for change, l'iniziativa globale che coinvolge centinaia di città nel mondo sui temi del cambiamento necessario, dà ai visitatori di Salaborsa venerdì 3 ottobre: a un anno dalla tragedia al largo di Lampedusa, quattro persone-libri raccontano in incontri faccia a faccia la propria storia di migranti in fuga da guerre, dittature, povertà, discriminazioni.

La biblioteca vivente è disponibile in quattro diverse postazioni - due in Piazza coperta e due al primo piano - dalle 17.45 alle 19.45.



Quando:

ven03 10 2014ore 17:45