Bologna
dei fumetti


Introduzione

Nel corso di una delle prime edizioni di BilBolBul, la Kappa Edizioni organizzò una mostra su Bologna nei fumetti nel sottopassaggio di via Rizzoli. Vi erano tavole, in gran parte pubblicate dalla Star Comics nel 1996 nella miniserie Mondo Naif, dove diverse storie di ragazzi si intrecciavano in una Bologna magica e underground, monumentale, ma anche anonima e periferica.

Fu allora che ci venne l'idea di aggiungere al nostro sito una mappa interattiva, che mettesse a confronto tavole disegnate e foto dei luoghi. Furono raccolti numerosi albi e fu fatta una piccola "campagna" fotografica. Durante un'altra edizione di BilBolBul parlammo con Gabos di questa ambientazione in città di tanti fumetti e lui ci confermò che alcuni autori della scuderia Kappa si erano sguinzagliati per Bologna con la macchina fotografica.

Ma non solo gli autori Kappa hanno lavorato su Bologna. A detta di Luigi Bernardi, Vittorio Giardino andava direttamente "sul motivo" per disegnare palazzi e portici da inserire nel suo Sam Pezzo, mentre Magnus a Castel del Rio ha ricostruito per Tex un Far West che ha l'aspetto del nostro Appennino. E come dimenticare la Bologna "sconvolta" e paradossale del ‘77, uscita dalle matite di Andrea Pazienza e Filippo Scozzari, con gli "studelinquenti", il portico Dozza e gli autonomi del Dams?

Il legame tra i fumetti e la città, dunque, non è né casuale né episodico: una mappa online, da arricchire nel tempo di notizie storiche, aneddoti e curiosità, può essere un buon tributo ai nostri fumettari e un modo simpatico per aggirarsi "virtualmente" per Bologna.


La mappa presenta una serie di segnalibri sensibili: cliccandoci sopra appare un fumetto, che introduce una scheda dedicata a un luogo della città, dove si confrontano tavole e foto e si danno notizie, riferimenti bibliografici, collegamenti ad altre aree di Bologna dei fumetti o a risorse esterne.

Ad ogni scheda è collegato l'elenco delle Guide di Bologna e quello degli albi in cui appaiono tavole ambientate in città, dal titolo Bologna disegnata

Per ulteriori informazioni, contributi, suggerimenti, correzioni, scrivete alla redazione



chiudi